Filetto di maiale alle mele

Di Daniela

DSCF8640

Sono figlia di un appassionato lettore di Tex.... ma non solo: sono moglie, cugina, madre e cognata di grandi estimatori di questo fumetto così amato. Ricordo tanti bellissimi pomeriggi da piccola, a Colle Val d'Elsa, durante il settembre di solito dedicato ai nonni paterni, passati spaparanzati su vecchie amache o a cavalcioni di improbabili cavalcature nel giardinetto di casa, con mio cugino Alessandro e mio papà, intenti a leggere le storie dell'eroico Aquila della notte e dei suoi pards (parola al tempo dal bel suono senza significato per noi piccoletti) indiani e non. Ci immmaginavamo nel deserto, nelle grandi praterie o dovunque ci portasse la fantasia dei Bonelli e dei loro disegnatori.... imparando ad amare il coraggio dei buoni senza tentennamenti e la loro lealtà, e ad odiare i cattivi, sleali e crudeli, ma sempre sconfitti alla fine, chiedendo spesso che ci venissero preparati (in fondo eravamo in toscana...) i famosi menu dei nostri eroi a base di fagioli, bistecche "ricoperte da una montagna di patatine fritte" e carne secca, sostituita degnamente , secondo il nostro giudizio, da salame o fette belle spesse, tagliate a mano, e bianche di sale di prosciutto crudo.... Insomma questo post è un saluto ed un ringraziamento a Sergio Bonelli per tutto quello che ha regalato ai suoi lettori e come Paperino, vestito alla Tex, salutiamo un grande che è stato compagno invisibile di moltissime ore di fantasia, di allegria e di divertimento puro.
Filetto di maiale alle mele
da In cucina con le mele (2004) Gribaudo ed.
arrosto

Tempo 1 ora e 1/4
Ingredienti
1/2 kg di filetto di maiale
750 gr d mele cotogne
1 cucchiaio di miele (acacia per me)
1 bicchiere di vino bianco secco
1 punta di estratto di carne (una punta di dado da brodo va bene ugualmente)
30 gr di burro
1/2 bicchiere scarso di olio evo
sale, pepe

DSCF8533 
Legate la carne con lo spago da cucina per tenerla in forma, se necessario. Adagiatela in una teglia con olio, sale, pepe e cocetela in forno moderato per circa 1 ora.
Sbucciate le mele, togliete loro il torsolo e tagliatele a spicchi. Scaldatele per qualche minuto in una teglia con il miele e il vino, fino a che non risulteranno morbide, ma compatte.
Disponete le mele con il loro sciroppo di cottura a corona nel piatto di servizio, adagiatevi in mezzo il filetto privato dello spago, se lo avevate usato, affettato e poi ricomposto come fosse ancora intero.
Rimettete la teglia del filetto sul fuoco e staccate il fondo di cottura della carne, bagnando con un bicchiere di acqua in cui avrete sciolto l'estratto di carne.

Arrosto di maiale
Quando l'intingolo sarà un po' addensato, unite fuori dal fuoco il burro; non appena si sarà sciolto, irrorate con questa salsa caldissima  il filetto.
Buona giornata a tutti
Dani

Condividi post

Repost 0
Commenta il post

Daniela 10/11/2011 12:47

@ Flaviuzza, ti confesso che pure mio marito ce l'ha: con la sola differenza che ha mescolato qualche nuova edizione per i numeri che aveva perso! Sta occupando un'intera libreria solo per lui e non c'è speranza che la cosa si limiti nel tempo..... Comprendi? :-)
Bacisssssssimi

@ Hai ragione il qualcosa di dolce regala sempre sapori diversi! Baci ricambiati!

@ Vedi Roby che abbiamo un folle in comune? anche il mio come dicevo a Flavia, continua implacabile nell'acquisto!!! :-) Coraggio....... ;-)

@ Giulia, arrivo!

Giulia 10/11/2011 01:20

Daniela, Alessandra, vi ho pensato per una cosina, andate a dare un'occhiata al mio ultimo post, poi mi fate sapere, ok?
Un bacio

laroby 10/10/2011 21:30

non amo la carne ma questa ricetta mi ispira eccome! saranno le mele che donano quel tanto di dolce che mi cattura?? riguardo a tex...la dolcemetà acquista ancora in edicola i fumetti...e abbiamo in soggiorno una libreria (dico una libreria) dedicata ai suoi fumetti tra i quali tex è protagonista indiscusso...un abbraccio

i5mondi 10/10/2011 21:27

io faccio sempre il maiale con qualcosa di dolce, pesche,arance, mele, uva è uno spettacolo!!
un bacio

EliFla 10/10/2011 21:07

Dani....mio fratello ha la collezione originale sin dal primo numero .... pensa te..quanto ha influenzato la mia infanzia Tex Willer....e quanto mi piaceva la sua moglie Squaw!!!!
Per la ricetta, come tutte le ricette di MT , non posso fare altro che leccarmi i baffi!!!
xoxoxo Flavia

Daniela 10/10/2011 21:05

@ Qualcuna si può sempre deviare, che dici? un buon gustino al maiale lo danno....:-)Destino ingrato il loro!

@ Perfetto anche con i crauti, che adoro!!

twostella il giardino dei ciliegi 10/10/2011 19:52

Adoro quando l'arrosto ha una bella doratura!
Ecco, ho trovato il piatto forte da abbinare al mio contorno di crauti rossi :-)

La Gaia Celiaca 10/10/2011 19:10

buonissimo questo filetto di maiale, ed io che ho in cucina un po' di mele cotogne in attesa di diventar marmellata... che dici, le faccio deviare dal loro destino?
sempre in pentola finiranno, però :-)

Daniela 10/10/2011 18:40

@ Mario, come sempre, grazie! Ci capiamo perfettamente...:-)

@ Francesca, altro mito... Bacioni

@ Stefi, siamo sempre in sintonia noi due!!! :-)

@ Grazie Giovanni!

@ Titty, per iniziare questa è perfetta: il sapore delle mele non è troppo invadente; accompagna senza coprire...

@ Titti a volte dipende da un papà o da chi è il tuo cugino preferito :-) Loro leggevano e io dietro, ovviamente! Baci anche a te :-)

Titti 10/10/2011 18:30

... non oso dirtelo ... non credo di aver mai letto Tex ... Oops :( Però sono una grande mangiatrice di filetti di maiale alle mele :)
Bacioni

titty 10/10/2011 15:07

Da tempo vorrei provare le mele per qualche ricetta, ho sempre paura che non piaccia ma devo osare prima o poi!!

giovanni uno storico in cucina 10/10/2011 14:04

che profumino il tuo filetto!! è proprio gustoso!
complimenti
Giovanni

Manuela e Silvia 10/10/2011 12:44

Noi con le mele cotogne ci abbiamo fatto la marmellata, ma verrà perfetta da utilizzare per la carne di maiale.
bacioni

fantasie 10/10/2011 12:35

Sai che oggi ho una ricetta simile in programma per la cena? Se non è telepatia questa...

Acquolina 10/10/2011 10:49

io sono ancora lettrice di Martin Mystère, mi unisco al tributo.

Gambetto 10/10/2011 10:23

Come non sottoscrivere il fatto che molti di noi hanno condiviso simili letture proiettandoli sui ricordi di qualche anno fa, lasciandoli così acquisire un valore assoluto, oggettivo per la qualità della produzione fumettistica e personale in modo inscindibile.
Ottima la ricetta che non è a corredo ma a completamento di un proprio momento, il tuo ovviamente gentilmente condiviso con noi :)