La zuppa più buona del mondo e il we dei festeggiamenti...

...solo un filo "appesantito" dalla fastidiosissima forma influenzale con nasi colanti, occhi lucidi e fazzoletti strategicamente posizionati, per tentare di respirare un po' meglio e che sta attanagliando tutta la famiglia... Però è stato ugualmente divertente e coinvolgente.

fedi 

foto elaborata dall'originale 

In realtà mi sono sempre chiesta se per caso non sia già stata studiata e resa nota una legge delle probabilità, il cui enunciato suoni più o meno così: quando in una famiglia c'è una data che riveste una qualche importanza, chessò un anniversario, un compleanno o una ricorrenza particolare, automaticamente, col tempo, questa sarà circondata da una miriade di altre ricorrenze parimenti importanti. Come dire: il 24 gennaio, per esempio è il mio anniversario di matrimonio: per un bel po' di anni si è limitato ad essere la data più "celebrata" di gennaio (Epifania a parte). Poi, nel giro di pochissimo tempo è stato circondato da, in ordine sparso: il compleanno della Microba, il compleanno del fidanzato di mia figlia, il compleanno della figlia di una delle mia amiche più care e quello di un caro amico di mio marito.

Così festeggiamo, quando possiamo, insieme, o rincorrendoci con telefonate e messaggi... Preparo pranzetti e dolci perchè, naturalmente, tutti hanno un loro menù preferito, che comprende spesso piatti un po' insoliti, diciamo, per un festeggiamento, come zuppe o empanadas, ma si sa, alla gola non si comanda....

Così oggi, condivido con voi una delle mie ricette di famiglia più amate e "segrete": è la zuppa della mia nonna paterna, la nonna Amelia, la zuppa più buona del mondo, per me, la più gustosa e saporita tra tutte quelle che cucino ciclicamente o assaggio.  Perciò direttamente da Colle Val d'Elsa (SI), e da un anno imprecisato, ma non vicino, del '900, eccovi la nostra 

Zuppa della Nonna

La zuppa più buona del mondo e il we dei festeggiamenti...

Per quel che riguarda gli ingredienti, ve la passo proprio così, come me l'ha passata mia mamma, che l'ha avuta dalla nonna... cioè "a occhio"!

Ingredienti per 6 persone (circa)

4 patate medie

1 cipolla bianca o dorata

1 gambo di sedano

1 carota

3 zucchini

1 manciata di fagiolini

1 mazzetto di bietole

1 pezzo di zucca (300 g circa)

2 pomodori da sugo

1 cavolo verza di media grandezza... approssimativamente 6 / 7 hg

400 g fagioli secchi 

zuppa 

Come sempre, io preferisco utilizzare la pentola di coccio quando si tratta di zuppe...

A parte. in una pentola di acqua fredda, mettete a cuocere i fagioli, tenuti a bagno almeno 12 ore a rinvenire, coperti da due dita abbondanti d'acqua. Non salate subito, ma attendete quasi la fine della cottura, che sarà di circa 1 ora / 1 ora e mezza, senza mai mescolare e con il coperchio.

Preparate un soffritto con sedano, carota e cipolla tagliati grossolanamente. Tagliate a dadini patate, carote, zucchini, fagiolini, e zucca e a pezzi le bietole e versatele nel soffritto dorato ad appassire per circa 15-20 minuti, mescolando bene e spesso. Unite i pomodori pelati e privati dei semi e fate insaporire il tutto per altri 5 minuti.

Nel frattempo tagliate a fettine sottili la verza, rimuovendo la parte centrale più dura e sciacquatela abbondantemente. 

Appena è trascorso il tempo, versate nella pentola la verza e, ancora mescolando spesso, fate appassire anche lei per altri 10 minuti.

A questo punto passate con il passaverdura una parte dei fagioli cotti e versate il purè ottenuto all'interno della pentola; per ultimo, unite anche i fagioli rimanenti insieme all'acqua di cottura. Mescolate il tutto, mettete il coperchio e lasciate cuocere per almeno 1 ora e mezza/2, aggiustando di sale.

Servite calda o tiepida, con un giro di olio extravergine di oliva e una macinata di pepe nero e accompagnata da crostini di pane abbrustolito.

Lo ripeto, per me è la zuppa più buona del mondo e i miei amici condividono l'entusiasmo.

Provatela in una fredda giornata invernale: è fantastica

Buona settimana a tutti

Dani

Condividi post

Repost 0
Commenta il post

Pellegrina 01/27/2014 14:52

Oh è fantastica davvero, ma riunisce verdure che in inverno non ci sono: fagiolini, zucchine? Quando la si faceva, nel primo autunno, forse? Certo una roba del genere dà energie per il raccolto, caspita!

Pellegrina 01/29/2014 11:05

Grazie, dev'essere il vostro microclima favoloso. Da noi quelle arrivano a primavera :-/

Daniela 01/28/2014 12:50

sono zucchine più scure e grandi e naturalmente meno saporite delle primaverili, a cui ricorro quando ho svuotato i pacchetti per la zuppa della nonna nel freezer!!!

Pellegrina 01/28/2014 01:48

Cosa sono le zucchine invernali? una varietà di lì? mai viste, se non di serra (che non compro) :-(

Daniela 01/27/2014 16:05

Per le zucchine ci sono quelle invernali, meno dolci di quelle estive e più grandi e per i fagiolini, non so, forse li usava solo, come dici tu, in una versione più autunnale o all'inizio della primavera... Ormai si trovano sempre invece... Addirittura io spesso mi prendo, pulisco e surgelo le verdure nel loro momento migliore per poi gustarmi questa delizia anche in pieno inverno, in particolare borlotti e fagiolini. Energia e goduria sono assicurate.....:-)

Mario 01/27/2014 10:53

Ma inserirci anche il mio compleanno che di qualche giorno fa...meno di quelli contabili su una sola mano...che ne dice...vuoi mettere che non ci scappano anche gli auguri per me?!?! :P ahahahhhaahhah
Angurieeeeeeeeeeeeee per tutto!
PS
Gli auguri più belli che ricevo solitamente sono in forma di canzoncina...quella di "tanti auguri a te" modificata per me in "tanti culi a te....tanti culiiiiiiii a teeeeeeee"....se ve li giro pari-pari a te\voi....qualcuno si offende?! :D

Daniela 01/27/2014 10:56

Mariuccio caro, mi era sfuggito questo genetliaco di grande spessore! Mille c....anche a te allora, di tutto cuore!!!! Tanto né qui né li si offende qualcuno!!!!
Baci grandissimi