Ritrovati in poco tempo due capolavori di Van Gogh!!

Eccovi il resoconto (la traduzione è personale, quindi perdonate le imperfezioni) dell'articolo apparso sul giornale spagnolo El Mundo il 10 maggio di quest'anno e ripresa dalle principali testate mondiali on line e cartacee come Il sole 24 ore, news artnet, daringtodo, ewn.co.za, Los Angeles Times, Reuterswpxi  e Sploid, fra gli altri.

L' Agenzia delle Entrate ha scoperto durante l'apertura di una cassetta di sicurezza sequestrato ad un evasore fiscale un opera di inestimabile valore del pittore olandese Vincent Van Gogh, scomparso dopo un'esposizione al Kunsthistorisches Institut di Vienna di circa 40 anni fa. Sarebbe Il cipresso, il cielo e il campo ed è datata 1889.

Il quadro è stato probabilmente dipinto durante il suo soggiorno nel manicomio francese a Saint Remy de Provence mesi dopo aver mutilato il lobo del suo orecchio sinistro a seguito di un incidente con Gauguin , dove compose numerosi paesaggi con cipressi, tra cui la famosa notte stellata .[...]

Ai primi di dicembre, durante l'apertura di una delle cassette di sicurezza sequestrate, in presenza dell'evasore stesso,  i funzionari dell'Agenzia Fiscale hanno trovato un olio su tela senza cornice, rappresentante un albero al tramonto, con tocchi di colori vivaci e pennellate ondulate caratteristiche Genio di Zundert. Secondo quanto raccontato a questo giornale una fonte vicina alle indagini, il proprietario della cassetta ha riconosciuto l'opera come il Cipresso, il cielo e il campo, originali di Vincent Van Gogh e ha detto che questa apparterrebbe ad un milionario straniero, che glielo avrebbe affidato dopo averlo  portato in Spagna nel 2010.

Infatti, oltre alla firma vera e propria del pittore, sul retro del piccolo quadro, alto  89 cm e largo 81 cm, sono presenti tre sigilli che hanno dato credibilità alla confessione. Il più antico, sigillato in rosso, corrisponde al Rijksmuseum e data 8 Aprile 1944, durante l'occupazione della Germania nazista;  il secondo, corrisponde al  Museum der Schöne Künste (Museo delle Belle Arti) di Berlino, non è datato e il più recente, quello del Kunsthistorisches Institut der Universität Wien (Istituto di Storia dell'Arte presso l'Università di Vienna), registrato il 10 aprile 1974.

Autenticità Verificata

Due esperti hanno certificato per l'ufficio delle imposte, lo scorso aprile, la probabile autenticità del dipinto. Tra gli altri motivi , hanno trovato che sigillato il Rijksmuseum di Amsterdam è accurato nel colore, nel contenuto e nel materiale che è stato utilizzato durante il nazismo nella galleria d'arte olandese, che anni più tardi collezione Van Gogh separati. Tuttavia, la decisione finale sarà presa dalle autorità del Ministero della Cultura o, se del caso, della Direzione Generale del Patrimonio dello Stato .

La scoperta in una operazione di questa natura è insolito . E' relativamente comune, tuttavia, che le opere d'arte diventino parte del patrimonio pubblico come pagamento volontario dei debiti verso l'Agenzia delle Entrate. [...] Il governo ha già accettato, come pagamento di debiti di evasori, tre Picasso, due Miros e due Madrazo, tra molti altri, così come 15 pezzi unici dei principali stilisti spagnoli, tra abiti e disegni, come Jesus del Pozo e Agatha Ruiz de la Prada.

foto da "El mundo"

foto da "El mundo"

Una curiosità: proprio nell'anno indicato come quello di realizzazione del quadro, dal giugno di quell'anno, per la precisione, il Maestro cominciò a dipingere cipressi, perché riteneva, come dice al fratello nella lettera del 25 giugno 1889, «il cipresso è bello come legno e come proporzioni, è come un obelisco egiziano. E il verde è di una qualità così particolare. È una macchia nera in un paesaggio assolato, ma è una delle note più interessanti, la più difficile a essere dipinta che io conosca».

Aspettiamo allora il responso definitivo del Ministero della Cultura spagnolo!

Nel frattempo possiamo goderci una vista dell'altro capolavoro di Van Gogh, ritrovato e restituito al mondo soltanto pochi mesi fa.

Si tratta di 'Tramonto a Montmajour': il quadro ritrae l'abbazia benedettina situata a Montmajour, nel momento del tramonto. L'attribuzione all'artista, è stata accertata dopo un lavoro di due esperti che hanno esaminato la tecnica utilizzata, la tela, lo stile e tutti gli altri indizi disponibili.

La data dell'opera sarebbe il 1888, quando Van Gogh viveva ad Arles, dove si trova l'abbazia, in Francia, l'anno in cui dipinse la sua opera più famosa, I girasoli. Faceva inizialmente parte della collezione di Theo Van Gogh, suo fratello e confidente e fu venduta nel 1901 al commerciante Maurice Fabre, che mai registrò ulteriori passaggi di proprietà. Il dipinto ricomparve solo nel 1970, alla morte di Nicolai Christian Mustad, miliardario norvegese, che aveva acquistato il dipinto nel 1908. 
L'opera misura 93,3 per 73,3 centimetri ed è esposta nel museo di Amsterdam dal 24 settembre 2013. 

Speriamo in altre spettacolari novità!!

Buona giornata

Daniela

Condividi post

Repost 0
Commenta il post