Una pausa per comprendere il dolore...

Una pausa per comprendere il dolore...

Sinceramente non è semplice vivere con serenità nella situazione che si è venuta a creare a Genova in questi giorni: i disastri che hanno colpito la città turbano e provocano dolore, in tutti quelli che ci vivono ogni giorno, creando ferite che si rimarginano molto lentamente.

Il cielo color del ferro e questo senso di precarietà e di paura latente non giova al morale, nè all'umore, già messo a dura prova dalla difficile situazione generale, che interessa tutta la nazione.

A questo si aggiunga il dolore per le vite spezzate o devastate da queste calamità: non è semplice neppure più aspettare sereni l'autunno e alle prime goccie ci si chiede dove andremo a parare questa volta, quante persone subiranno, nella migliore delle ipotesi, disagi o quante attività saranno danneggiate più o meno gravemente...

Oggi noi faremo una pausa, sperando e pregando che tutto torni quanto più rapidamente possibile alla normalità, che i danni non siano irrecuperabili e, soprattutto, che nessun altro debba perdere la vita, a causa di un territorio trascurato e nuovamente colpito.

A mercoledì.

Daniela e Giorgia

Condividi post

Repost 0
Commenta il post

Daniela 10/14/2014 12:54

Grazie, parole perfette le tue!

Virò 10/14/2014 12:31

Avete tutta la solidarietà che meritate: per la sfortuna e per l'incapacità di amministratori distratti (o poco onesti?!) che hanno sbagliato le priorità nei loro interventi!