Dentro la ricetta : la lievitazione e ...la prima pizza fragrante!

Dentro la ricetta : la lievitazione e ...la prima pizza fragrante!

Una pizza, anzi due pizze a lunga lievitazione.

Nei giorni appena trascorsi, data l'allerta 2 diramata in tutta la Liguria e le raccomandazioni di strare a casa, ho avuto il tempo per testare due squisite ricette per la pizza. Un modo per distogliere la mente e gli occhi dagli orrori che ci capitano tutto intorno... 

Amo la piazza fragrante, rustica, sottile, leggermente croccante sul fondo... con quel sapore meraviglioso che ha solo un lievitato appena sfornato e quella crosta, sottile e fragrante che custodisce un interno morbido e profumatisimo. 

Sul ricordo di pizze buonissime, assaggiate qua e là per l'Italia, ho trovato la mia personale ricetta. Ricetta sempre in evoluzione, perchè mi piace sperimentare... molto.

Trovo poi, che il lievitato che...lievita per molto tempo e natulmente, sia oltre che più ricco di gusti, anche molto molto, molto più digeribile. 

Le ricette che vi propongo sono un poco insolite, ma vi assicuro - e i miei commensali pure - sono ottime. 

Perdonate se le foto sono solo "prima del forno" : quelle "dopo il forno" non ho fatto in tempo a scattarle....:-)

I Ricetta

Pizza fragrante e profumata

Lievitazione 48 h 

pizza 2 

Ingredienti per 6 persone

Farina 00
600g
Farina Manitoba
400g
Olio evo
40 g
Lievito madre essiccato (o eventualemente  lievito di birra fresco)
12 g
Sale marino fino
20 g
Acqua tiepida
250ml
Birra*
300ml
Zucchero di canna**
20 g
Patata media lessa
1
 

 

* di qualunque tipo o genere. Anche non alcolica. 

** meno raffinato è meglio è. In mancanza zucchero di barbabietola (ridurre dose). 

 

In un'impastatrice mettere le farine ed il lievito (in polvere) e mescolate.

Da parte misurate acqua tiepida (calda) e birra (temperatura ambiente), unitele, e aggiungete lo zucchero. Si formerà una bella schiumetta, mescolate per bene. 

Tagliate e pestate la patata privata della sua buccia. Misurare l'olio ed il sale. 

Unire alle farine metà dei liquidi (tranne l'olio), ed azionare l'impastatrice. Continuare ad unire i liquidi, dunque l'olio, la patata ed infine il sale. Impastare con impastatrice a spirale per 15 minuti, con impastatrice a forcella per 25. L'impasto sarà piuttosto morbido.

Ponetelo su della carta da forno, cosparsa di farina o semola rimacinata, in un tegame. Lasciate riposare in forno per 2 ore. Fate la prima piegatura a fagotto (quattro lembi verso il centro), capovolgetelo e lasciate riposare ancora. Ogni 4/5 ore potete effettuare delle piegature.

Trascorse 24h cominciate a dividere l'impasto facendo delle pezzature secondo i tegami che vorrete utilizzare. Piegate e lasciate riposare per altre 24h (eventualmente piegando ogni 6/8h). Finite le fatidiche 24h, stendete piano l'impasto in ciascun tegame, allungandolo dolcemente con le mani e cercando di non comprimerlo. In questa operazione potete aiutarvi con della farina o della semola rimacinata per evitare che si appiccichi al tegame o al piano di lavoro o alle vostre mani. Lo spessore può variare secondo gusta da 2mm a 7mm. 

Farcite.

Cuocete in  forno statico a 220°C o in ventilato a 200°C per circa 13 minuti (secondo gusto e spessore, premurandovi che il fondo e l'inteno siano ben cotti).

Se vi dovesse avanzare...

Potete stenderlo e congelarlo per poi farcirlo in un secondo momento e magiare un'ottima pizza fatta in casa. 

Potete congelarlo in pagnotte. 

Potete lasciarlo in frigo per una notte e usarlo il giorno dopo.

Potete cuocerlo come pane... è davvero buonissimo.

Per la seconda ricetta fate un salto qui mercoledì?   :-)

Giorgia

Condividi post

Repost 0
Commenta il post

Viale dei Pensieri 11 11/17/2014 10:13

patata e birra nell'impasto, una ricetta che devo assolutamente provare!

Giorgia Rotolo 11/20/2014 09:59

Fammi sapere come ti sembra :))
Io trovo eccezionale l'aroma che le due creano in questo impasto.. slurp!