Lasagne al pesto, ma al forno, alla Portofino (2) !!! e taaaaante lasagne diverse...

Avrete notato, se seguito il blog da un po', che nel corso dei lunghissimi 6 anni (li compiremo tra 2 mesi scarsi) da quando è nato Menu Turistico, ci sono ricette che si ripresentano ciclicamente e moltissime versioni, una più deliziosa dell'altra, della stessa preparazione: è naturale, dopo tanto tempo, che si scovino nuovi modi di presentare piatti che piacciono!

Ovviamente, un classico della cucina italiana come le lasagne nel corso degli anni, hanno avuto modo di essere declinate in tutti in una grandissima varietà di modi e colori.

Queste sono, per ora, tutte le ricette di menu turistico che parlano di lasagne:

cupole di lasagne al branzino

lasagne ai cardi, salmone e caprino

cannelloni ...col cavolo

lasagne con crema di melanzane e caprino

lasagne di farina di grano saraceno con verza e casera

lasagne alla Portofino (1)

cannelloni alla Gianna

cannelloni alla bechamelle

lasagne di grano saraceno con spinaci

lasagne di grano saraceno con ragù di verdure

lasagne di ...polenta al ragù

Vi abbiamo già parlato tempo fa delle squisite lasagne alla Portofino, le lasagne al pesto al forno, per capirci, che sono l'unica concessione in deroga alla legge, non scritta, che prevede che non si debba mai cuocere il pesto. In questa seconda versione che vi propongo oggi, aggiungerò solo un piccolo, ma particolare ingrediente e vi darò un paio di suggerimenti che, nel corso del tempo, mi hanno permesso di realizzare,  con sempre maggior facilià e con risultati sempre più apprezzati, questa gustosissima versione ligure delle classiche lasagne alla bolognese.

Lasagne alla Portofino con pinoli croccanti

Lasagne al pesto, ma al forno, alla Portofino (2) !!! e taaaaante lasagne diverse...

per una teglia 30cm X 18cm - 6 persone 


400 g lasagne fresche

260 g  di pesto

2 manciate abbondanti di pinoli

90 g ca di parmigiano

per la bechamelle

100 gr di burro

1 litro di latte

100 gr di farina

sale pepe

per gratinare

parmigiano e qualche fiocchetto di burro

lasagne 

Preriscaldate il forno a 180°C.

Mettete sul fuoco una padella antiaderente e, quando è calda, versatevi dentro i pinoli, facendoli saltare, fino a che non si tostino bene.

Le lasagne potrete prepararle, come potete leggere qui, sia con pesto fatto in casa, come pure con quello confezionato, a seconda della vostra "posizione geografica" :-).

Con il burro la farina e il latte preparate una salsa bechamelle secondo la ricetta classica (questa è quella di Ada Boni e del suo Talismano della felicità): fondete il burro in una piccola casseruola e quando è fuso aggiungete tutta insieme la farina setacciata, facendola cuocere adagio per qualche minuto, mescolandola continuamente per evitare che prenda colore. Levate la casseruola dal fuoco e aggiungete il latte caldo mescolando con un cucchiaio di legno finché la salsa non raggiunge l'ebollizione. A questo punto salate la bechamelle, aggiungete, se piace un pizzico di noce moscata, mettete il coperchio alla casseruola, abbassate il fuoco girando di tanto e in tanto e lasciate cuocere per 10/15 minuti, fino a quando non avrà raggiunto la densità che desiderate. 

Lasciatela raffeddare, con la pellicola trasparente messa a contatto, e intanto dedicatevi alle lasagne. Fatele scottare in acqua bollente salata. 

Appena avrete gli ingredienti pronti, cominciate a preparare la teglia. Spalmate un po' di bechamella sul fondo e sui bordi  e fate il primo strato di pasta.

Personalmente, per la "salsa" con cui coprirle, adotto un sistema semplicissimo: per ottenere l'intensità di sapore, consistenza e colore che desidero, unisco, prima di utilizzarlo, il pesto con la bechamelle mescolando a poco a poco, fino al punto voluto.

Così il risulto è sempre quello che prediligo: è una soluzione semplice ma efficace.

PICT1401 

A questo punto partiamo: via alla prima copertura con il composto pesto-bechamelle, spolverata di parmigiano e due cucchiai di pinoli tostati: continuate così fino all'esaurimento degli ingredienti. Con queste dosi e per la teglia di 30 X 18, vengono fuori 5 strati.

Sopra l'ultimo, ancora pesto-bechamelle, pinoli e parmigiano, con qualche fiocchetto di burro.

Mettete la teglia nel forno già caldo a 180° (ventilato o 200°C statico) per 20 minuti.

Sono da provare.

Buona giornata

Daniela

Condividi post

Repost 0
Commenta il post