Il tè, il suo fascino, la sua eleganza e le sue regole secondo G. Orwell


“Vuoi che partiamo subito per la nostra avventura”, domandò Peter Pan, “o preferisci prendere il tè?”. “Prima il tè”, rispose Wendy.

J.M. Barrie, Peter Pan

Jean-Baptiste-Siméon Chardin, A Lady Taking Tea, 1735, Hunterian Art Gallery collections

Oggi vorrei che leggeste con me il decalogo, anzi le 11 regole d'oro, che George Orwell, uno dei miei autori preferiti, ha pubblicato in un articolo per descrivere come si prepara una buona tazza di tè. E' un interessante pezzo di costume, scritto sull'Evening Standard, 12 gennaio 1946, che diverte e dà comunque indicazioni precise a tutti gli amanti del classico tè inglese; ma io, non paga del solo interesse del brano, ho aggiunto qualche nota di colore, cercando quà e la opere di grandi artisti che hanno il tè come loro motivo centrale .... e si sa, quando le arti figurative si incontrano con l'arte dello scrivere, il risultato è sempre una gioia per gli occhi! 

Questo post di oggi prelude ad alcuni piatti adatti al tea time, di cui già qui e qui avevamo parlato... ma di ciò che accompagne una buona tazza di tè parleremo poi: per ora gustatevi in santa pace...

A Nice Cup of Tea di George Orwell

orwell

George Orwell by Ralph Steadman from a recent issue (Aug 2014) of The New Statesman

"Se cerchi 'tè' nel primo libro di cucina che hai a portata di mano probabilmente non troverai nulla; o al massimo troverai alcune righe di istruzioni abbozzati che non danno informazioni precise su molti dei punti più importanti. 

Questo è curioso, non solo perché il tè è una delle principali segni di civiltà in questo paese, così come in Irlanda, Australia e Nuova Zelanda, ma perché il modo migliore di prepararlo è oggetto di violente dispute.

Quando analizzo la mia ricetta per la perfetta tazza di tè, trovo non meno di undici punti rilevanti. Su forse due di questi ci potrebbe essere un accordo abbastanza generale, ma almeno altri quattro sono decisamente controversi. Qui sono le mie undici regole, tutti quelle di cui io considero d'oro:

Marie-Louise Catherine Breslau Il tè delle cinque, 1883. Depositum der Gottfried Keller - Stiftung / Kunstmuseum Bern

  • Prima di tutto, si dovrebbe usare il tè indiano o di Ceylon.  Il tè Cinese tè ha virtù che non sono da disprezzare al giorno d'oggi - è economico, e si può bere senza latte - ma non è molto stimolante.  Uno non si sente più saggio, più coraggioso o più ottimista dopo averlo bevuto. Chiunque abbia usato quella frase confortante 'una bella tazza di tè' indica invariabilmente tè indiano.

Mary Stevenson CassattLe thé  about 1880

  • In secondo luogo, il tè deve essere fatto in piccole quantità - cioè, in una teiera. Tè fuori di una teiera capace è sempre di cattivo gusto, mentre il tè per l'esercito, realizzato in un calderone, sa di grasso e calce. La teiera dovrebbe essere fatta di porcellana o terracotta. Teiere in argento o Britanniaware producono tè meno buono, i contenitori smaltati sono ancora peggio; anche se curiosamente una teiera di peltro (una rarità al giorno d'oggi), non è così male.

Mary Cassatt, The Cup of Tea, ca. 1879

  • In terzo luogo, la teiera deve essere riscaldato in anticipo. Ciò è fatto al meglio appoggiandola sul piano di cottura, piuttosto che con il solito metodo di riscaldarla con l'acqua calda.

Julius Le Blanc Stewart (1855 – 1919) Five O' Clock Tea, 1884.
 

  • In quarto luogo, il tè deve essere forte. Per una pentola da un quarto (di gallone = 1 litro), se la si vuole riempire quasi fino all'orlo, potrebbero essere giusti circa sei cucchiaini pieni di tè. In un tempo di razionamento, questo non è un'idea che può essere realizzata ogni giorno della settimana, ma io continuo a ritenere che una tazza di tè forte è meglio di venti deboli. Tutti i veri amanti del tè non solo amano il loro tè forte, ma, lo desiderano un po' più forte ad ogni anno che passa - un fatto che è riconosciuto dalla razione supplementare offerta ai pensionati.

Mary Cassatt ,Lady at the Tea Table 1883

  • In quinto luogo, il tè deve essere messo direttamente nella teiera. Senza filtri, sacchetti di mussola o altri dispositivi per imprigionarlo. In alcuni paesi le teiere sono dotate di cestini che pendono sotto il beccuccio per catturare le foglioline vaganti, che si suppone siano dannose. In realtà si possono ingoiare foglie di tè in notevole quantità, senza effetti negativi, e se il tè non è libero nella teiera l'infusione non è corretta.

Roelof Koets II (1650-1725) Dutch Family Taking Tea, 1680

  • In sesto luogo, si dovrebbe portare la teiera al bollitore e non il contrario. L'acqua deve essere effettivamente bollente al momento dell'impatto, il che significa che si dovrebbe tenere sul fuoco mentre si versa. Alcuni aggiungono che si dovrebbe utilizzare solo acqua che è stato appena portata ad ebollizione, ma non ho mai notato che faccia alcuna differenza.

.
 Richard E Miller (1845-1943) The Aftenoon Tea, 1910

  • In settimo luogo, dopo aver fatto il tè, si dovrebbe mescolare, o meglio, dare alla teiera una buona scossa, permettendo poi alle foglie di stabilizzarsi.

Edgard Degas , The Cup of Tea. Breakfast after Bathing, 1883.

  • Ottavo, si dovrebbe bere da una buona tazza da  prima colazione - cioè, il tipo cilindrico di coppa, non quella larga e bassa. La coppa colazione contiene più tè, e inoltre con l'altro tipo di tazza il tè è sempre mezzo freddo prima ancora che si cominci a bere.

Mary Cassatt,  Cup of Tea ,1897

  • Nono, si dovrebbe togliere la panna dal latte prima di utilizzarlo per il tè. Il latte che è troppo cremoso dà sempre al tè un sapore stucchevole.

James Jacques-Joseph Tissot – Picnic – 1876

  • Decimo, si dovrebbe versare il tè prima nella tazza. Questo è uno dei punti più controversi di tutti; infatti in ogni famiglia in Gran Bretagna ci sono probabilmente due scuole di pensiero sul tema. La scuola del latte versato prima può avanzare alcune forti argomentazioni, ma io ritengo che il mio argomento sia incontestabile. Questo perché, versando il tè prima e mescolando appena si versa, si può esattamente regolare la quantità di latte senza il pericolo di mettere troppo latte, se lo si fa al contrario.

“Prendi un altro po' di tè”, disse la Lepre Marzolina ad Alice. “Non ne ho avuto ancora nulla”, rispose offesa Alice, “quindi non posso prenderne di più”. “Intendi dire che non puoi prenderne di meno,” disse il Cappellaio, “è molto facile prendere più di niente.”

"Teaparty". Alice, la Lepre Marzolina e il Cappellaio Matto di John Tenniel

  • Infine, il tè - a meno che non si è beva nello stile russo - dovrebbe essere bevuto senza zucchero. So molto bene che io sono in minoranza su questo punto. Ma ancora, come potresti definirti un vero tea lover se distruggi il sapore del tè aggiungendo lo zucchero? Sarebbe altrettanto ragionevole mettere il pepe o il sale. Il tè è destinato ad essere amaro, proprio come la birra è destinata ad essere amara. Addolcendolo, non lo si degustazione più, si assapora semplicemente lo zucchero; si potrebbe fare una bevanda molto simile sciogliendo lo zucchero in acqua calda normale. 

Henri MatisseTea, 1919. LACMA Colection.

Alcune persone potrebbero rispondere che a loro non piace il tè in sé, che lo bevono solo per essere riscaldati e stimolati, e hanno bisogno di zucchero per togliere il gusto. A queste persone malaccorte direi: provate a bere il tè senza zucchero per un paio di settimane, per esempio, ed è molto improbabile vorrete mai rovinare nuovamente il vostro tè, dolcificandolo. 

James Tissot, Tea, 1872

Questi non sono gli unici punti controversi sul tema del bere il tè, ma sono sufficienti a mostrare fin dove è arrivata la faccenda. C'è anche il misterioso galateo sociale che circonda la teiera (perché è considerato volgare bere dal vostro piattino, per esempio?) E molto potrebbe essere scritto circa gli usi secondari delle foglie di tè, come per predire il futuro, per prevedere l'arrivo di visitatori, per alimentare conigli, per guarire le ustioni e spazzare il tappeto. Vale la pena di prestare attenzione a dettagli come il riscaldamento della teiera e l'utilizzo di acqua davvero bollente, in modo da rendere del tutto sicuro di ottenere dalla propria razione venti buone, forti, tazze di tè che due once di foglie (57g circa), opportunamente trattate, dovrebbe rappresentare.

(tratto da I saggi raccolti, Il giornalismo e lettere di George Orwell, Volume 3, 1943-1946)

 

A venerdì con la prima proposta per il tè, con un piatto storico irlandese.

Buona giornata a tutti

Daniela

Condividi post

Repost 0
Commenta il post

virjaja 10/28/2015 09:52

comme c'est beau! moi je prendrais plutôt un expresso... bisous. cathy

Daniela 10/28/2015 15:08

me too ...but tea has its own charm, sometimes!!! :-)