Del furto rocambolesco al museo di Castelvecchio e di una torta al cioccolato golosa.

E' gravissima la ferita inferta al patrimonio artistico italiano a Verona, con la scomparsa di 17 quadri, alcuni di grandissimo valore, al Museo civico di Castelvecchio. Tra le opere trafugate, sei dipinti del Tintoretto e capolavori di Peter Paul Rubens, Pisanello, Mantegna, Jacopo Bellini, Giovanni Francesco Caroto, Hans de Jode e Giovanni Benini. Il valore stimato delle opere rubate è compreso tra i 10 e i 15 milioni di euro. Un crimine destinato a innescare interrogativi e polemiche sulla effettiva tutela del "petrolio" nazionale, il patrimonio artistico. Per il sindaco di Verona Flavio Tosi si è trattato di un furto su commissione. L'autorità giudiziaria ha delegato il Nucleo Tutela Patrimonio Artistico dei Carabinieri a seguire le indagini. Al momento, nessun commento è giunto dal ministro dei Beni Culturali Dario Franceschini. Che, ironia della sorte, ieri è intervenuto all'inaugurazione al Quirinale di una mostra dedicata a due opere trafugate e recuperate dal Nucleo Tutela del Patrimonio Culturale dei carabinieri e in giornata è atteso a Sarajevo.

Al Museo Civico di Castelvecchio, più che un furto, è andata in scena una vera e propria rapina. La cui dinamica, dopo una giornata di verifiche, la illustra a Repubblica in serata il capo dell'Ufficio Stampa del Comune, Roberto Bolis. "Erano in tre, due armati, a volto coperto. In quel momento, verso le 19,30, poco prima della chiusura, al museo era in corso il passaggio di consegne tra il personale, che di giorno è di almeno 11 persone, ma che a quell'ora è ridotto alla sola cassiera, e l'agente della vigilanza notturna. La guarda giurata ispeziona le sale per verificare che non ci sia nessuno, quindi torna all'ingresso e manda via la cassiera. Ecco, il furto è avvenuto in quel passaggio". Un varco, una falla, in chiusura ma a museo ancora aperto, quando i sistemi di allarme, in particolare i sensori volumetrici, collegati con la centrale operativa dell'istituto di vigilanza, non sono ancora attivati. I tre hanno immobilizzato la guardia giurata e imbavagliato la cassiera con nastro adesivo. Mentre due ladri costringevano il vigilante ad accompagnarli nelle sale dove hanno rubato i quadri, il terzo piantonava la cassiera. Alcune tele sono state rimosse dalle cornici e arrotolate, altre no. Per allontanarsi, i tre hanno utililizzato l'auto della guardia giurata, probabile che poi abbiano trasbordato le opere su un'altra vettura." Dal sito di Repubblica, articolo di Paolo Gallori.

Eccovi le immagini delle opere rubate, secondo l'ordine dell'elenco 

Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/
Immagini da http://www.artribune.com/

Immagini da http://www.artribune.com/

  1. «Madonna col bambino, detta madonna della quaglia» di Antonio Pisano detto Pisanello;
  2. «San Girolamo penitente» di Jacopo Bellini;
  3. «Sacra famiglia con una santa» di Andrea Mantegna;
  4. «Ritratto di giovane con disegno infantile» e
  5. «Ritratto di giovane benedettino» di Giovanni Francesco Caroto;
  6. «Madonna allattante»,
  7. «Trasporto dell’arca dell’alleanza»,
  8. «Banchetto di Baltassar»,
  9. «Sansone» e
  10. «Giudizio di Salomone» di Jacopo Tintoretto;
  11. «Ritratto maschile» della cerchia di Jacopo Tintoretto;
  12. «Ritratto di ammiraglio veneziano» di Domenico Tintoretto;
  13. «Ritratto di ammiraglio veneziano» della Bottega di Domenico Tintoretto;
  14. «Dama delle licnidi» di Peter Paul Rubens;
  15. «Paesaggio» e
  16. «Porto di mare» di Hans de Jode e
  17. «Ritratto di Girolamo Pompei» di Giovanni Benini

 

Non c'è molto da aggiungere... Speriamo che in qualche modo queste meravigliose opere possano essere ritrovate per riavere il loro posto nel meraviglioso patrimonio artistico del nostro Paese...

 

Torta soffice al cioccolato con confettura di frutti di bosco.

 

Del furto rocambolesco al museo di Castelvecchio e di una torta al cioccolato golosa.

La ricetta della torta l'ho trovata in questo post di Barbie72, che la propone semplice.  

A me è piaciuta l'idea di aggiungere una leggera nota acida, con la confettura di frutti di bosco regalano al goloso sapore di cioccolato della torta: la ricetta è qui su MT, ma potete usare ciò che più vi piace per aggiungere sapore alla vostra

Ingredienti per una tortiera da 24 cm:

260 gr di farina per dolci (oppure 200 gr di farina 00 e 60 gr di amido o fecola)

una bustina di lievito vanigliato per dolci

un pizzico di sale

55 gr di burro morbido

3 uova a temperatura ambiente

2 cucchiaini di estratto di vaniglia (oppure scorza di mezza arancia)

250 ml di latte a temperatura ambiente

330 gr di zucchero

115 gr di cioccolato fondente extra amaro

torta soffice al cioccolato 

Preriscaldate il forno a 180°C statico

Fate fondere in cioccolato nel microonde o a bagno maria e tenetelo da parte. 

In una ciotola capiente mescolate la farina, il lievito per dolci e il sale.

Lavorate a crema il burro morbido, e poi aggiungete un pò alla volta 260 g di zucchero, prelevati dai 330 preparati: otterrete delle briciole.

Aggiungete 3 tuorli e amalgamate.

Ora, aggiungete il cioccolato fuso, poi gli ingredienti secchi, alternandoli con i 250 ml di latte.

Montate a neve gli albumi e, quando sono a neve ferma, aggiungete gradatamente 70 gr di zucchero fino ad avere una massa soda e lucida.

PICT6970 

Aggiungete gli albumi all'impasto, mecolando dall'alto verso il basso per non smontare il composto.

Mettete nello stampo da 24 cm, imburrato ed infarinato.(ma la quantità "regge2 anche una tortiera da 25 0 26 cm)

Cuocete in forno a 175 gradi per 40 minuti a forno statico. Fate comunque la prova stecchino prima di estrarla dal forno.  Lasciatela raffreddare su una gratella.

Appena sarà fredda dividetela a metà orizzontalmente e spalmate generosamente l'interno con la confettura di frutti rossi o di frutti di bosco  

Spero perdonerete l'incredibile bruttezza delle foto, che non rende affatto giustizia alla bontà della torta! Ma io e il flash proprio viaggiamo su terreni distanti, in universi paralleli probabilmente, e non riusciamo a capirci: vi chiedo un atto di fiducia, quando vi dico che la realtà è decisamente più accattivante :-). Stamani ho aggiunto un paio di foto con luce naturale... Un po' più aderenti alla realtà...

PICT6989

Forse quest'ultima rende un po' meglio l'idea: è una torta semplicemente deiziosa... soffice. alta, dolce ma non troppo, con un ricco strato di voluttuosa marmellata, cosparsa di semplice zucchero a velo... Una golosità assoluta!

Buona giornata a tutti

Daniela

Condividi post

Repost 0
Commenta il post

lisa 11/24/2015 09:05

Questo furto mi ha lasciato svuotata dentro, io adoro l'arte e alcuni di quei quadri li ho anche visti... spero riescano a beccare quei maledetti.
La torta invece te la ruberei io, è favolosa e si vede ad occhio che sofficissima!

Daniela 12/09/2015 22:26

Si il furto turba e offende, perchè impedisce a noi tutti di ammirare opere d'arte splendide... Speriamo siano recuperate in fretta.
Grazie ed a presto Lisa