Il tè nello stile russo, un flowering tea e una profumatissima Torta di Rose (qui nella versione con lievito madre)

Nel leggere qualche giorno fa l'articolo di Orwell sulla preparazione del tè inglese, sono rimasta colpita dalla frase :"a meno che non si è beva nello stile russo". Quindi, come mio solito, sono andata a cercare la ragione di questa affermazione così perentoria ed ho trovato un interessantissimo articolo, scritto da Marina Komarova nel 2011, proprio come avrei voluto scriverlo io, corredato di splendide immagini e molto esauriente. Quindi non mi resta altro da fare che invitarvi a leggerlo, se siete curiosi come me. Per sottolinearlo le rubo giusto un'immagine che mi è piaciuta moltissimo, anche perchè sottolinea il rito del piattino, che tra tutti mi è sembrato il più particolare!

La mercantessa al tè / Купчиха за чаем

Boris Michajlovič Kustodiev La moglie del mercante (1918), Museo Russo, San Pietroburgo

Ma vorrei oggi anche presentarvi un tipo di tè particolare, un regalo di mia figlia al ritorno da un viaggio in Oriente. E' uno dei tea bouquet (chiamati anche fiori di tè, flower tea o blooming tea) sono dei veri capolavori di un'antica arte cinese, unica al mondo. I germogli di tè vengono legati insieme a mazzetto (da qui il termine francese bouquet) e nascondono al loro interno fiori di gelsomino, calendula, amaranto. Dei veri tè da meditazione da preparare nella teiera di vetro per assistere al lento e delicato sbocciare di meravigliosi fiori di tè.(da qui)  

PicMonkey Collage

Il mio, in particolare, è uno squisito fortune bal, bellissimo oltre che buono. In effetti l'attesa di vedere il fiore aprirsi è rilassante a bendispone al buon umore, obbligandoti a ritagliare del tempo da dedicare a questo piacere confortante, magari accompagnato da una fragrante rosa dolce...

 

Torta di rose con la pasta madre

 

Vi ho già proposto la versione con il lievito di birra, molto ricca ed aromatica: oggi ve la presento in versione lievito madre, ma naturalmente nessuno vi vieta di scambiare le farciture :-)

Anche questa è una versione particolarmente profumata e non riesco proprio a fare a meno di considerarla un vero e proprio esempio di comfort food... il solo profumo apre il cuore, oltre che soddisfare occhi e gusto!

Il tè nello stile russo, un flowering tea e una profumatissima Torta di Rose (qui nella versione con lievito madre)

Per una teglia di 20 cm:

Ingredienti

100 g di lievito madre

125 g di latte

250 g di farina di manitoba

50 g di burro

2 tuorli

30 g di zucchero

per il ripieno

1 manciata abbondante di nocciole, pinoli e uvetta

2 cucchiaini di cannella in polvere

40 g ca. di burro

per lo sciroppo

100 g di acqua

50 g di zucchero

2 cucchiaini di estratto di vaniglia

per decorare

2 cucchiai di granella di zucchero

torta di rose 

Preparazione:

Mettete nella planetaria la pasta madre, scioglietela con il latte a temperatura ambiente con una forchetta, poi aggiungete la farina setacciata, il burro fuso, i tuorli uno alla volta e lo zucchero. Lavorate l'impasto con il gancio per impastare (o impastate a mano, se preferite, per alcuni minuti) fino ad ottenere un impasto morbido e ben amalgamato.

Lasciate lievitare per 4 ore (io l'ho scordata per 6 ore! ed era ben gonfia), in luogo tepido e riparato.

Stendete l'impasto con un mattarello fino ad ottenere una sfoglia più o meno rettangolare, dello spessore di circa 1/2 cm.

Per ciò che riguarda gli ingredienti del ripieno, le indicazioni sui pesi sono solo suggerimenti, perché molto dipende dal vostro gusto personale.

Lo stesso vale per il tipo di ripieno: potete farcire le "rose" anche con della confettura, se lo preferite e il risultato sarà comunque eccellente.

Fondete il burro a bagnomaria e spalmatelo ora su tutta la superficie della pasta. Mescolate 30 g di zucchero con la cannella in polvere e spargete anche questo composto sulla pasta. Aggiungete l'uvetta, ammollata nell'acqua tiepida per pochi minuti, le nocciole tritate grossolanamente ed i pinoli interi.

Arrotolate la sfoglia su se stessa ben stretta ottenendo un cilindro, che taglierete a fette di circa 4 o 5 cm di lunghezza.

PICT5852

Disponete i cilindretti uno vicino all'altro nella teglia imburrata, ma condiderate che aumentano di volume con l'ultima lievitazione, quindi metteteli... comodi, lasciando un po' di spazio. Lasciate lievitare ancora l'impasto per circa 1 ora e mezzo.

Infornate a 180°C per 30/35 minuti, secondo il vostro forno.

Nel frattempo preparate uno sciroppo con l'acqua, lo zucchero e la vaniglia (che potrete sostituire a vostro piacere con la cannella in polvere o, perché no, con acqua di rose alimentare o di fiori d'arancio), facendo bollire il tutto fino a che il liquido non si sarà ridotto della metà.

A 5 minuti da fine cottura, aprite il forno e irrorate con lo sciroppo tutta la superficie della torta, uniformemente. Richiudete il forno e lasciatela cuocere per gli ultimi minuti: deve risultare dorata e lucida.

Estraetela e fatela raffreddare. Appena fredda sformatela delicatamente e servitela con un buon tè.

La torta di rose è decisamente perfetta per un pomeriggio autunnale, accompagnata da uno squisito e scenografico flowering tea .

Buona giornata a tutti

Daniela

Condividi post

Repost 0
Commenta il post

virjaja 11/02/2015 12:29

quelle belle tarte! sur le tableau on dirait mon chat, aussi gourmand! bisous. cathy