Aiuto!!! una Fornostar nel mio letto!!!

orata

Il letto è quello della creatura, ad essere precisi, ma il risultato non cambia: finchè Stefania non si leva dai piedi non imbarcherà il suo concentrato di grazia, bellezza e ultimamente anche fama planetaria, non ho il tempo di dedicarmi al blog. E neppure quello di raccontarvi un po' di retroscena di questa due giorni ligure, dalla presentazione ufficiale dello Starbooks (chi era, Giulio Cesare, con i trionfi?... e passi, se noi l'alloro lo mettiamo nell'arrosto) a tutte le chiecchiare, i progetti e le risate che inevitabilmente ci facciamo, ogni volta che ci si incontra.

Di conseguenza, ricetta veloce- anche se penso che fino a settembre troverete solo proposte di questo genere, considerato che, caldo o non caldo, siamo tutti stremati da un anno di lavoro, aneliamo alle ferie come il naufrago alla riva e piuttosto che disperdere quel che resta delle mie energie in cucina, fingo che fuori ci sia il sole e di non aver ancora osato metter via il piumone, nel mio letto .

E quando si dice "ricetta veloce" in casa mia si parla di pesce: non ho mai capito perchè, ma, eccezion fatta per qualche umido, per il resto non riesco a pensare al pesce come ad un ingrediente che abbia bisogno di preparazioni complesse e cotture elaborate: mi sembra che ne mortifichino la freschezza che, del pesce, è la qualità imprescindibile e indispensabile. Quindi, di solito, prendo e sbatto in forno: al massimo, mi industrio con qualche erba o qualche agrume, oppure con qualche salsina di accompagnamento, ma sempre cose veloci e leggere, sullo stile di quello che segue

ORATA AL FORNO AL LIME E AL CORIANDOLO

orata1

liberamente ispirata ad un vecchio numero di Sale e Pepe

... che ho perso, ovviamente, dopo aver letto il nome delle ricetta e aver deciso che l'avrei preparata all'istante. Quindi, ho lavorato di fantasia e il risultato eccolo qua

 

per 6 persone
1 orata del peso di circa 1 kg e mezzo
4 lime, non trattati
1 cucchiaio colmo di zucchero di canna
coriandolo fresco
olio extravergine di oliva
aglio
sale
peperoncino
 
Pulire l'orata, eviscerarla e sciacquarla bene sotto l'acqua corrente.
Con un coltello affilato, praticare dei tagli lingo i fianchi: serviranno per far penetrare nella carne del pesce il condimento.
Grattugiare la scorza di due lime e spremerne il succo; tagliare gli altri lime a fette e disporle nella pancia dell'orata, dopo averla leggermente salata.
Al succo e alla scorza dei lime unire 4 cucchiai di olio, il coriandolo tritato e mezzo spicchio d'aglio, anch'esso tritato.
Aggiustare di sale e peperoncino

Cospargere poi il pesce con questo condimento e lasciar riposare in frigo, coperto con pellicola trasparente, per una o due ore. Dopodichè,  infornare a 180 gradi per 30-40 minuti.

Buona settimana

ale

Condividi post

Repost 0
Commenta il post

Stefania Forno Star 06/24/2013 23:17

Certo quel pesce mi somiglia anche un po'... :D ... e il forno è il mio naturale elemento! ;)

Mari 06/24/2013 18:02

Concordo assolutamente per quanto riguarda il discorso sul pesce, meno lo si pasticcia e meglio è soprattutto se è fresco (come dovrebbe sempre essere) e quindi alla fine qualsiasi ricetta diventa velocissima e semplicissima.
Stefania è una iniezione di buon umore :D

Maria Chiara 06/24/2013 17:16

La sola sfumatura di differenza è che tu lo sbatti in forno, il pesce, io lo butto, sempre là, comunque, e con gesto atletico ! sono d'accordo con te, un pesce con la coda non ha bisogno di molto, tuttalpiù o erbette goduriose o di un decoro di meringa salata, con la quale ho fatto i miei più epici figuroni ...........
baci
Maria Chiara

sandra 06/24/2013 09:49

Alessandra, la FORNO STAR non è di questo pianete, ora che l'ho conosciuta di persona ho realizzato di aver sempre saputo che veniva da Marte....
credo che mi brilleranno gli occhi per la felicità di avervi conosciuto per almeno un altro mese, se vedete una luce abbagliante nella notte se guardate verso Firenze sappiate che sono i miei occhi!
tutti i baci e gli abbracci del mondo
Sandra