Di Daniela

scroll down for English version


DSCF1341

Pur giurandovi sul mio onore che l'elenco delle mie forme per dolci vari, pur essendo significativo, non giunge alla incredibile varietà ed abbondanza di quello delle della Ale (anche perchè da brave vicina di casa facciamo sovente scambi "culturali" per lo più a mio favore), ciononostante il loro numero sta diventando particolarmente oneroso per la mia cucina, che dovendo ospitare pentole, stoviglie, ammmennicoli vari, teglie etc etc per un uso costante di 5 persone più "fiancheggiatori" frequenti, risente della compressione da forme al silicone. Nel senso, che, per sentirmi meno preoccupata per lo spazio che occupo con questi deliziosi e tendenzialmente superflui oggetti, ho optato per l'acquisto dei medesimi in silicone. Così ora, quando apro lo sportello del pensile dove li ripongo, rischio di essere investita non più da una valanga di metallo, piutosto fastidioso quando ti colpisce di taglio, ma da una "decompressione" di oggetti di silicone, che io diligentenmente comprimo, ogni volta che riordino, ma che hanno la tendenza sciagurata a "srotolarsi" nel momento meno opportuno! Tanta è la mia soddisfazione che non sapendo, ne volendo, reggere da sola siffato evento e volendo condividere quanto più possibile con la mia socia e il suo sposo, ho regalato qualche formina, però moooolto colorata, anche alla Ale (he he he he !!!In compenso la mia biblioteca culinaria si è ampliata di un prezioso testo inglese....).
Ma bando alle ciance, eccovi le tre idee antipasto del giorno: sono di una SEMPLICITA' estrema, velocissime, ma molto saporite e di grande effetto.
Ah, inutile dirvi che queste tre cose rapidissime, essendo a base di mascarpone, burro e gorgonzola non possono entrare nella top ten degli alimenti più light del mondo: però, giurin giuretta, con il nuovo anno ci concentreremo come "buon proposito n. 1" , sul modo di far scendere un po' tutto quello che si è accumulato dove non avrebbe dovuto durante queste feste... D'altra parte, almeno per qualche giorno, non è bellissimo non pensare a etti, grammi, bilance ecc? Con l'occasione vorrei anche ringraziare la mia amica Patrizia, che sa mantenere le sue promesse!!!!!
Ultima annotazione:
FELICISSIMO 2010 A TUTTI!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!


MOUSSE AL GORGONZOLA di Patrizia


DSCF1352



  • 100 gr. di gorgonzola
  • 50 gr. di fiorello/mascarpone
  • 75 gr. di burro
  • 20 gr. di pinoli
  • 5/6 foglie di basilico
Fate ammorbidire il burro a temperatura ambiente, tritate i pinoli ed il basilico. Mettete nel mixer il gorgonzola a pezzetti insieme al burro e azionatelo fino a quando si ottiene un composto ben omogeneo. Trasferite il tutto in una ciotola con il trito di pinoli e basilico, aggiungete il fiorello e mescolate delicatamente. Decorate con foglie di basilico e pinoli.


MOUSSE AL GORGONZOLA E NOCI


DSCF1359



  • 100 gr di gorgonzola
  • 50 gr di mascarpone
  • 5 o 6 noci sgusciate e tritate più un paio di gherigli interi per la decorazione
  • pepe appena macinato
Mescolate accuratamente nel mixer o a mano , il gorgonzola con il mascapone, finchè non otterrete un composto omogeneo. Conditelo con una macinata di pepe appena macinato e mescolate ancora il tutto dopo aver unito le noci, che, a seconda dei gusti, potrete sminuzzare a mano o tritare grossolanamente nel mixer. Decorate con qualche gheriglio intero

MOUSSE AL TONNO di Patrizia

    DSCF1346


  • 1 scatola di tonno da 200 gr.
  • 70 gr. di burro
  • 1 acciuga
  • 1 cucchiaino di capperi
  • 1 limone

Fate ammorbidire il burro, sgocciolate dal suo olio il tonno. Mettete nel mixer tonno acciuga e capperi fino a quando il composto risulta morbido ed omogeneo. Travasate in una ciotola ed incorporate il burro delicatamente. Aromatizzate con qualche goccia di limone e trasferite la mousse in una terrina, decorando con qualche spicchio di limone e ciuffetti di maionese.

MOUSSE DI SALMONE AFFUMICATO ALL'ANETO

DSCF1342
  • 150 gr di salmone affumicato (vanno benone anche i ritagli)
  • 75 gr di mascarpone
  • 2 cucchiai di aneto se secco, 2 o 3 rametti se fresco
  • il succo di 1/2 limone
  • quache cucchiaio di salsa all'aneto
Mettete nella tazza del mixer le fette o i ritagli di salmone, con il mascarpone l'aneto e il succo di limone e fate partire la lama ad alta velocità fino ad ottenere una crema consistente. Data la diversità di sapore a partire dall'affumicatura alla salatura ecc ecc dei vari tipi di salmone, controllate prima di disporre la crema ottunuta nelle coppette per servirla , che non necessiti l'aggiunta di qualche goccia di limone in più o di un cucchiaio extra di mascarpone, secondo il vostro gusto. Servitela con accanto qualche cucchiaio di salsa all'aneto, che la completa perfettamente (quella che trovate all'ikea nel reparto alimentare è ottima), accompagnata con i soliti crostini di pane caldi.


Queste mousse sono particolarmente delicate da gustare spalmate su crostini di pane caldi.


Buon appetito


Daniela


PATRIZIA'S MOUSSE GORGONZOLA

DSCF1356

. 3,5 oz Gorgonzola
. 3.5 tbsp Fiorello / mascarpone
. 5.2 tbsp butter
. 1.5 tbsp pine nuts
. 5 / 6 basil leaves

Let the butter soften at room temperature, crushed pine nuts and basil. Put in a blender along with gorgonzola butter into pieces and control everything until you get a well-made uniform. Transferred it into a bowl with the chopped pine nuts and basil, add the fiorello and stir gently. Decorate with basil leaves and pine nuts.
MOUSSE WITH GORGONZOLA AND WALNUTS
. 3.5 oz gorgonzola
. 3.5 tbsp mascarpone
. 5 or 6 peeled and chopped nuts plus a couple of whole kernels for decoration
. freshly ground pepper

Mix thoroughly in a mixer or by hand, Gorgonzola with mascapone, until you get a thick dough. Season with a sprinkling of freshly ground pepper and stir everything together after the nuts, which, according to taste, you can chop by hand or chop coarsely in a mixer. Decorate with some whole kernels

PATRIZIA'S TUNA MOUSSE


DSCF1349

. 1 can of tuna from 200 gr.
. 5.2 tbsp butter
. 1 anchovy
. 1 teaspoon capers
. 1 lemon


Let soften the butter, oil drained from his tuna. Put tuna anchovy and capers in a blender until the mixture is smooth and homogeneous. Transfer into a bowl and incorporate the butter gently. Flavored with a few drops of lemon juice and transfer the mousse into a bowl, garnish with slice of lemon and a few wisps of mayonnaise


SMOKED SALMON MOUSSE WITH DILL


DSCF1341


. 5.2 oz of smoked salmon (be all right even the trimmings)
. 5.3 tbsp mascarpone
. 2 tablespoons dill, if dry, 2 or 3 sprigs fresh
. juice of 1 / 2 lemon
. few tablespoons of dill sauce




Put the slices (or cutouts) of salmon in the bowl of the mixer with mascarpone dill and lemon juice and and then mix at high speed to obtain a creamy consistency. Becouse of the the different flavor from smoking salting etc etc. of different types of salmon, check before serving cream, that does not need to add a few drops of lemon or a tablespoon more mascarpone, according to your taste. Serve alongside with a tablespoon of dill sauce, which complements perfectly (the one found in the IKEA food section is excellent).




These mousses are delicious spread on toast


Bon appetit
Daniela

Condividi post

Repost 0

di Alessandra

English Version Below

IMG_0042

Lista dei buoni propositi per l'anno 2006
1. perdere 5 kg
2. leggere tutto Rex Stout
3. fare la pasta in casa

Lista dei buoni propositi per l'anno 2007
1. perdere 5 kg
2. leggere tutto Rex Stout
3. fare la pasta in casa


Lista dei buoni propositi per l'anno 2008
1. perdere 5 kg
2. leggere tutto Rex Stout
3. fare la pasta in casa



Lista dei buoni propositi per l'anno 2009
1. perdere 5 kg
2. leggere tutto Rex Stout
3. fare la pasta in casa

...io odio l'ultimo dell'anno....



LUXURY LENTIL SOUP WITH SMOKEN SALMON*

lentil soup

per 6 persone
200 g lenticchie
300 g latte
150 g salmone affumicato
70 g cipolla
50 g panna liquida
30 g burro
timo e maggiorana,
1.5 l brodo,
paprika,
sale .
Mettere a bagno almeno 6 ore prima le lenticchie. Far stufare la cipolla tritata finemente nel burro, aggiungere le lenticchie sgocciolate ed il mazzetto di timo e maggiorana. Allungare con brodo caldo e cuocere per 15 minuti a fuoco moderato. Aggiungere il latte caldo e proseguire la cottura per altri 5 minuti. Togliere il mazzetto aromatico e circa metà delle lenticchie. Frullare le restanti, unendo la panna. Rimettere le lenticchie intere nella pentola, far riprendere il bollore, aggiustare di sale ed insaporire con la paprika. Distribuire nelle fondine o nelle tazze da brodo e completare con sottili striscioline di salmone affumicato

* in compenso, adoro l'inglese: perché questa è una ricetta italianissima - la fonte è Cucina Italiana, dicembre 1990)- ma dal desolante nome di "zuppa di lenticchie". Il che farà tanto tepore domestico, ma se la presentate come "luxury" o "fashionable" o anche "old fashioned" diventa immediatamente più buona. Giurin giuretto

Note di Menuturistico
1. per far stufare la cipolla si può usare benissimo l'olio EVO, anzichè il burro
2. visto che il piatto deve essere profumato, ho sostituito la cipolla con una cipolla rossa- e anche qui, ok
3. ho fortemente ridotto le dosi di brodo e leggermente aumetato quelle del latte: già dopo la cottura nel latte le lenticchie erano abbastanza tenere e sono bastati due mestoli di brodo per farle cuocere del tutto. Poi, si sa, la materia prima è variabile anche nei tempi di cottura, per cui non è detto che questo procedimento sia sempre valido: il consiglio, comunque, è di verificarne lo stato, appena assorbito il latte
4. una volta frullata la metà delle lenticchie, ho riunito i due composti e li ho fatti leggermente ridurre sul fuoco. Dopodichè, ho versato tutto in un contenitore in vetro, ho lasciato che raffreddasse, ho coperto e messo in frigo.
5. siccome questa è una radiocronca in diretta dalla cucina, al momento la zuppa riposa in pace nel frigorifero. Conto di allungarla parecchio all'arrivo degli ospiti, probabilmente con latte. Di sicuro, raddoppio la dose di panna.

English Version

LUXURY LENTIL SOUP WITH SMOKED SALMON


lentil soup

List of New Year' s resolution for
2006

1. lose 5 kg
2. read all Rex Stout
3. making pasta at home

List of New Year's resolution for the year 2007

1. lose 5 kg
2. read all Rex Stout
3. making pasta at home


List of New Year's resolution for 2008

1. lose 5 kg
2. read all Rex Stout
3. making pasta at home


List of New Year' resolution for 2009

1. lose 5 kg
2. read all Rex Stout
3. make pasta at home

... I hate New Year's Eve


300 g milk
150 g smoked salmon
70 g onion
50 g cream
30 g butter
thyme and marjoram
1.5 l broth
paprika
salt.

Soak at least 6 hours the lentils.
Braise onions, thinly sliced in butter , add the drained lentils and the little bunch of thyme and marjoram. Dilute with hot broth and cook for 15 minutes on medium heat. Add the hot milk and keep cooking for 5 minutes more. Remove the bouquet garni and about half of the lentils. Whisk the remaining, add the cream. Put the lentils aside in the pot, boil again, season with salt and paprika. Dish out the soup into cups or bowls and complete with thin strips of smoked salmon

* on the other hand, I love English: in fact, this one is a very Italian recipe- even from "Cucina Italiana", December 1990) - with the drab name of "lentil soup".
That surely remainds to home-wormth, but if presented as "luxury" or "fashionable" or "old fashioned" immediately gets tastier. Giurin giuretto

Buon Appetito
Alessandra

Condividi post

Repost 0

Di Daniela


Scroll down for English version


DSCF1329

Non abbiamo ancora finito, metaforicamente parlando, di sparecchiare la tavola di Natale, che il nostro pensiero va a quello che prepareremo per il capodanno! E' incredibile in effetti, ma in questo periodo sembra non si possa fare a meno di parlare di cibo, di pensare al cibo, di comprare e preparare cibo.... Un delirio di cose invitanti e gustosissime che non riesci neppure sforzandoti a mangiare, tanto sei satollo del pranzo o cena precedenti, ma che devi pensare come consumare, o riciclare, o almeno ripresentare un po' camuffate.... Vabbbbè forte di tutto ciò ho deciso di cominciare a pensare a qualcosa di saporito e colorato, da aggiungere a quelle "cosine" che si sgranocchino con l'aperitivo o si usano per condire ottimi e semplici spaghetti. Quindi ecco a voi la Tapenade nella sua versione più provenzale e, più semplice, ligure ottima veloce e profumata . Meglio di così......
TAPENADE DI OLIVE TAGGIASCHE

DSCF1332

per 250 g di salsa.
  • 200 gr di olive taggiasche (o olive nere saporite)
  • 1 e 1/2 bicchieri di olio extravergine di oliva
  • sale
  • 120 gr di filetti di acciuga dissalati (vedi qui)
  • 20 gr di capperi
  • 1 goccia di aceto aromatico (facoltativo)
  • succo di 1 limone
  • erbette aromatiche
  • pepe appena macinato
  • 1 spicchio d'aglio (facoltativo)

DSCF1328

Tengo a dire che questa saporitissima salsa verrebbe molto meglio se preparata al mortaio, pestando con pazienza tuti gli ingredienti che rilascerebbero così forse meglio i loro aromi. Ma , dato che non tutti abbiamo il mortaio in questione e pochi il tempo per fare tutto come si dovrebbe, vi passerò la versione al frullatore, comunque ottima mooolto più veloce!! Dunque : snocciolate le olive e mettetele con tutti gli altri ingredienti nel frullatore; frullate prima a bassa velocità, poi per qualche secondo, ad alta, per ottenere una salsa della consistenza di un purè. Volendo ottenere una salsa più raffinata, passate il composto al setaccio. E' eccellente sia spalmata su crostini di pane, meglio se casereccio, leggermente abbrustoliti, come ottimo stuzzichino con l'aperitivo, sia anche come salsa a crudo per gli spaghetti, magari accompagnata da qualche cubetto di pomodoro fresco, o per il riso bollito che, volendo, potrete prima condire con un po' di olio evo o per accompagnare pesci cotti al vapore. La tapenade non deve essere mai riscaldata.
Questa salsa è una specialità della Provenza (è nota anche come "caviar de Provence"), mentre da noi in Liguria si usa moltissimo anche nella sua versione più "rustica", il caviale di olive, più granuloso nella forma, ma simile nella sostanza : solo non si aggiungono capperi e olive, pestando nel mortaio olice, sale, olio, pepe e un po' di origano o timo mescolando il tutto con olio evo. Se ne fa lo stesso uso della Tapenade.
Un ultimo consiglio: se non doveste consumare tutta la tapenade preparata, potete metterla in un barattolo di vetro , ma , prima di chiuderlo e riporlo in frigorifero, dovete ricoprire la superficie della salsa con un filo di olio evo. Si conserva per alcuni giorni.

Buon appetito a tutti

Daniela

TAPENADE

DSCF1325


for 8,9 oz of sauce

. 7 oz of olives (or black olives)
. 1 1 / 2 glass extra virgin olive oil
. 1/2 cup of desalted anchovy fillets
. 1 1/2 tbsp of capers
. 1 drop of aromatic vinegar (optional)
. juice of 1 lemon

. aromatic herbs
. freshly ground pepper

. 1 clove garlic (optional)

This tasty sauce would be better if prepared with the mortar, pounding with patience all the ingredients, thereby releasing their best flavors. But since not all have pestle and mortar, and few the time to do everything as it should, you'll spend the version in the blender, however good and very faster! Thus: pitted olives and put all other ingredients in a blender, blend at low speed first, then for a few seconds, high, to get a sauce the consistency of a pureè. Wanting to get a more refined sauce, pass the mixture through a sieve. It is an excellent spread on crostini bread, preferably homemade, lightly toasted, as an excellent appetizer, or as a condiment for the spaghetti sauce, perhaps accompanied by some fresh diced tomato or for the boiled rice, if you wish first Seasoned with a little 'extra virgin olive oil, or to accompany fish steamed. The tapenade should never be heated.
This sauce is a specialty of Provence (also known as "caviar de Provence"), while we in Liguria use a lot even a more "rustic" version, the caviar of olives, more granular in form but similar in substance : just do not add capers and olives ; in a mortar pounding olives, salt, oil, pepper and a bit 'of oregano or thyme, stirring the whole with olive oil. He does the same use of Tapenade

One last tip: if you do not consume all prepared tapenade, you can place it in a jar, but before you close it and store it in the fridge, you have to cover the surface of the sauce with a touch of olive oil. Will keep for several days
Bon appetit

Daniela

Condividi post

Repost 0

di Alessandra

English Version Below

Uso del Blog per scopi privati: giulio, ti prego, non leggere....

focaccia alla salvia


Tortiere col fondo amovibile:
1 rettangolare
1 rettangolare lunga e stretta, per tarte
1 quadrata per crostate
1 quadrata per carrot cake (solo per quella: fa chi può...)
1 rotonda per cake (tutte le altre)
1 loose base da 8 cm di altezza (fresca di Harrods)

stampi a cerniera
1 da 26 cm
1 da 14 cm
1 in silicone da 28 cm
2 "cerniere" senza fondo (che quelle si tengono, che non si sa mai...)

stampi per crostate (senza fondo amovibile)
1 basso, vecchio e rigato, che non si butta via perchè basta metterci un foglio di carta da forno
1 basso, nuovo e intonso, che non si usa perché maniman si rovina, abbiamo l'altro, scusa...
1 dal bordo alto
1 per torte alla frutta

stampi per muffins
1 da dodici in teflon
1 da 12 in silicone
1 da 12 con il fondo di un pallone da calcio, comprato ad una svendita in Baviera, dopo i mondiali del 2006

stampi per mini muffins
3 da 24 minimuffins, di cui 2 antiaderenti e uno no
1 da 24 col fondo tutto arabescato, che ci mancano i brillanti e le pietre preziose e siamo a posto
1 da 12 ( quando ancora non c'erano quelli da 24)
1 da 15 (quando ancora c'erano quelli solo da 12)
1 da 15 in silicone

stampi da budino
3 scanalati, di varie misure (che però non stanno l'una dentro l'altra)
1 con giglio fiorentino
1 a forma di tronco di cono, con tutte le piegoline ai lati
1 a forma quadrata, con piegoline ai lati pure lui
2 in ceramica, uno rosa e uno blu
1 da creme caramel (mai più usato, da quando sono sposata, perché quello della suocera è più buono)
Particolare irrilevante: mai fatto un budino in uno stampo intero

stampi da kugelhupf
1 in teflon
4 in ceramica, di varie forme, dallo "stile Reggimentol" in giù
Particolare ancor più irrilevante del precedente: mai fatto un kugelhupf in vita mia...

stampi da mini kugelhupf
1 da 12 in alluminio
1 da 6 in silicone
Per il particolare irrilevante, vedi sopra

stampi da plum cake
1 da un litro
1 più grosso
1 in silicone con coperchio
1 da amor polenta

stampi da savarin
1 da monoporzione
1 da 6 in alluminio
1 da 15 in silicone (mini)

stampi da ciambella
1 in teflon
1 in ceramica

stampini da mini porzione in silicone (forme varie)
2 da 8 a forma di torretta, uno giallo e uno blu
1 da 6 a forma di rosa (imballato)
1 da 6 a forma di cuore (imballato)
1 da 6 girasoli
1 da 6 madeline
1 da 8 mini plum cake
1 da 6 forme scanalate

stampini da tartellette in silicone
2 da 15 l'uno, per tartellette rotonde
1 da 15 per tartellette ovali

stampi da tartellette grandi
1 da 6 in teflon

stampi da minibabà
1 da 12 in silicone

stampi da minisfere
1 da 15 piccole in silicone

teglie rotonde
1 da 30 cm
1 da 28 cm
1 da 26 cm
1 da 24 cm
1 da 22 cm
1 da 20 cm
1 da 14 cm
1 teglia da pizza
1 con i buchini (?????)

teglie rettangolari
1 da lasagne al forno
1 da torta rettangolare

teglie quadrate
2 della stessa misura, una monocolore, l'altra rossonera

categoria inclassificabili
1 stampo in silicone a forma di rosa
1 stampo in silicone a forma di babbo natale
1 stampo in alluminio a forma di pesce
1 stampo in alluminio a forma di slitta, con sellino in radica e redini in pelle umana

inoltre
3 anelli da particceria (ovviamente, rotondi)
1 anella da pasticceria (meno ovviamente, quadrato)
1 spara biscotti
1 stampo per donought


Tutto questo per dire che, per raggiungere il top della felicità, mi mancano ancora:
1 stampo da pancerrè con coperchio
1 stampo da semisfere grosse ( possibilmente in silicone che va in forno, sui 40 eurini)
tutte le teglie rotonde dal 18 al 14.

Domani, faccio i cassetti...

FOCACCIA ALLA SALVIA
della suocera



focaccia alla salvia


25 g di lievito di birra
500 g di farina
acqua circa 250 ml
olio EVO, 4 cucchiai
salvia, una decina di foglie
sale
1 cucchiaino zucchero
olio per ungere la teglia

Far sciogliere il cubetto di lievito in acqua tiepida (metà della dose), con un cucchiaino di zucchero e unirvi 100 g di farina. Coprire e lasciar riposare, fino a quando avrà iniziato la lievitazione ( o anche di più: io lo lascio fino al raddoppio)
Lavare e tritare la salvia
Unire il panetto lievitato al resto della farina e cominciare ad impastare, aggiungendo poco alla volta acqua e olio: dovete ottenere un impasto morbido ed elastico. Aggiungete la salviae impastate ancora un po'Farlo lievitare coperto fino al raddoppio. Abbattere la pasta, aggiungere il sale e reimpastarla
Dopodiché, ungere benissimo con l'olio una teglia dal bordo bassoe stendervi l'impasto e fare i tradizionali buchi con le dita. Lasciar lievitare ancora una mezz'ora, spolverare con una manciata di sale grosso e un giro d'olio e infornare a 220 gradi per una quindicina di minuti, anche venti
Lasciar raffreddare, sformare, tagliare a "cubotti" e servire.

Buon Appetito
Alessandra

English Version



Cake tin with loose base:
1 rectangular
1 long and narrow rectangular, for tarte
1 square for pies
1 square for carrot cake (just for that... )
1 round for cake (all the other ones)
1 loose base 8 cm height (fresh from Harrods)

molds hinged
1 26 cm
1 14 cm
1 28 cm,
silicone
2 "hinges" bottomless (and you can't trhow them away, one never knows...)

molds for cakes (without removable bottom)
1 low, old and stained mould, which I hold tight because you simply have to put a sheet of baking paper and no problem indeed
1 low, new and untouched mould, which is not used because if it fails...and then, we have the other one.
1 the edge top
1 for fruitcakes

molds for muffins
1 for 12, Teflon
1 for12 , silicon
1 for 12 with the bottom as a soccer ball, bought at a sale in Bavaria, after the 2006 World Cup

molds for mini muffins
3 for 24 minimuffins, including 2 non-stick and one stick
1 for 24 with the arabesque bottom, so that we lack the brilliant and precious stones and we're good
1 for 12 (when there weren't still those from 24)
1 for 15 (when there were still those only 12)
1 for 15 silicon

pudding basins
3 ribbed, of various sizes (but not the one inside the other)
1 with the Florentine lily
1 in a truncated cone shape, with all the pleats at the sides
1 in a square shape, with pleats at the sides too
2 ceramic, one pink and one blue
1 for creme caramel (never used, since I married, because that's mother-in-law is good) Unimportant detail: never made a pudding in a mold full

molds Kugelhupf
1 Teflon
4 ceramics, of various shapes, in original "Regiment- style"
Other detail, more unimportant than the previous one: never made a Kugelhupf in my life ...

Mold mini Kugelhupf
1 for 12, aluminum
1 for 6, Silicone
For the detail , see above

plum cake molds
1 one-liter
1 bigger than the previous
1 silicone with lid
1 for "amor polenta"

Savarin molds
1 monoportion
1 for 6, aluminum
1 for 15 silicone (mini)

cake molds
1 Teflon
1 ceramic

mini portion molds, silicon (various forms)
2 for 8-shaped tower, one yellow and one blue
1 for 6 shaped roses (packed)
1 for 6 shaped hearts (packed)
1 for6 shaped sunflowers
1 for 6 madeline
1 for 8 mini plum cake
1 for 6 ribbed forms

Silicone Molds for Tartlets
2 for 15 each, for round tartlets
1 for 15 for oval Tartlets

large molds Tartlets
1 of 6 Teflon

molds for minibabà
1 for 12, silicon

half ball molds
1 for 15 small silicone

round pans
1 30 cm
1 28 cm
1 26 cm
1 24 cm
1 22 cm
1 20 cm
1 14 cm
1 pizza pan
1 with the holes (?????)

rectangular trays
1 for lasagne
1 rectangular cake

square trays
2 of the same size, one party the first one , red and black the second one

unclassifiable category
1 silicone mold shaped rose
1 silicone mold in the shape of Xmas Tree
1 aluminum mold shaped like a fish
1 aluminum mold shaped like a sleigh, with gold saddle and bridles in human skin

besides
3 pastry rings (of course, round)
1 pastry ring (unless of course, square)
1 biscuit firing ( oh my God, how can I do to translate "sparabiscotti?????" help me, please!!!)
1 mold for donought


All these things to say that, if you want to see myself at the top of happiness, I am still missing:
1 mold pain brioche with lid
1 large mold hemispheres (possibly silicone, that goes into the oven, 40 euro about...)
all round pans from 18 to 14 cm

And tomorrow, it'll be the drawers turn
....

SAGE FOCACCIA
(of my mother-in law)


25 g of yeast
500 g flour
150 ml water
EVO oil, 4 tablespoons
sage
salt
1 teaspoon sugar
oil for greasing the pan

Dissolve the yeast in warm water cube (half the dose), with a teaspoon of sugar and add 100 g of flour. Let the dough rise under a dishcloth
Wash and chop the sage
Add the remaining flour to the rised dought and begin kneading, adding little by little water and oil: you get a dough soft and elastic. Add the sage and knead again, until the sage has been mixed. Allow to rise covered until doubled. Breaking down the dough, add the salt and mixed up again
After that, well grease a round baking pan with oil , spread the dough and make the traditional holes with your fingers. Let rise another half hour, sprinkle with a handful of coarse salt and a little oil and bake at 220 degrees for fifteen minutes
Allow to cool, remove from the mold, cube and serve.

Buon appetito
Alessandra

Condividi post

Repost 0

di Alessandra

natale 2009

Prima che vi mettiate in testa delle strane idee, tutte le composizioni floreali, addobbi natalizi, tavole ingentilite da tocchi di sapiente maestria sono della suocera. Se pensate di trovarle anche da me, siete completamente fuori strada: un po' perché- taglia a parte- di natura sono quanto di più minimal esista , un po' perché la manualità non abita qui , un po' perché quando ho bisogno di una porca figura mi basta una telefonata alla Carla e soprattutto perché a me, le piante, mi odiano. Nel senso che mi vedono e muoiono- e, sia chiaro, lo fanno solo per farmi dispetto. Perchè non c'è niente di più avvilente che essere accolti da rami spogli, tappeti di foglie ingiallite, fiori che perdono petali, mariti che perdono la pazienza e io che non mi spiego come mai non mi sopportino a questo punto, visto che io a loro non faccio niente. Nel senso letterale del termine. Me le regalano, le metto lì e non le tocco più...

natale 2009

Anyway, siamo sopravvissuti anche a questo giro di giostra, senza troppe perdite: anzi, come sempre ne hanno guadagnato i cassetti del freezer, il girovita e, quest'anno, anche il pollivendolo che ci ha rifilato una bestia di sei chili, spacciandocela come tacchino ma sulla cui vera natura si accettano scommesse, dal vitello nano in su.

natale 2009


Come da tradizione, la cena della vigilia dalla suocera e il pranzo di Natale da me, la prima con un menu di magro, la seconda tendente al grasso. In entrambi i casi, abbiamo mangiato troppo ,ci siamo alzati da tavola con il fermo proposito che l'anno prossimo mai più e alla sera eravamo di nuovo lì, davanti ad un'altra tavola imbandita, a farci altre scorpacciate, con la scusa di far fuori gli avanzi. Se non ci credete, chiedete alla Dani, a cui non sono rimaste neanche le briciole, dopo la parca mensa di Santo Stefano.


natale 2009

Vi metto i menu, senza ricette e senza foto, sulla fiducia (a parte il tacchino: tenetevi forte, perché fra poco arriva...)

Cena della vigilia (suocera)
brindisi con focaccia alla salvia, rigorosamente home maid (e infrangiamo subito l'atto di fede: domani la ricetta, giurin giuretto)
antipasto: mousse di salmone e insalata di granchio al curry
primo piatto (di tradizione): spaghetti alle acciughe
secondo piatto: branzino con patate al forno (altra tradizione di famiglia)
dolci: creme caramel e torta al cioccolato
frutta: macedonia di arance al cointreau

Pranzo di Natale ( da noi)
aperitivo: avanzi del cocktail della domenica ( per la serie, il buongiorno si vede dal mattino...)
primo piatto: fettuccine col ragù di coniglio (due giorni di lavoro, MAI PIU').
secondo piatto: la bestia- farcita con le castagne, avvolta nella pancetta e fatta cuocere a bassa temperatura per sei ore (MAI PIU' alla seconda): per inciso, se da oggi fino a Pasqua, questo blog ospiterà un numero impressionante di ricette di tacchino, abbiate la compiacenza di non fare domande. E se ancora vi chiedete perché, eccovi la risposta....


prima....

natale 2009

... e dopo....


natale 2009

Il tacchino è stato servito con la bread sauce (mamma) e una gelatina al vermout (mamma bis), oltre alle solite verdure
Dolci: bavarese alla vaniglia con caramello al whisky (a vederla, faceva impressione: non paga dello stampo agghiacciante, a forma di albero di Natale, mi son pure fatta prendere dall'ansia della sformatura, per cui l'ho adagiato prima del tempo sul piatto di portata e quando è arrivato in tavola, più che un abete sembrava un salice piangente)
Meringata
più le solite amenità che fanno tanto Natale e di cui ci sazieremo fino all'anno prossimo, viste le quantità industriali di cui si finisce per essere dotati ogni anno.



natale 2009

E così siamo arrivati alla domenica, all'occultamento della bilancia, al branzino in forno e al freezer in stile "non aprite quella porta", secondo un copione che si ripete immancabilmente ogni anno, a cui stavolta si è aggiunto un ulteriore interrogativo: come faremo a postare il brodino sul blog???... mi sa che ce ne faremo una ragione, cosa ne dite???
Buona Domenica
Alessandra



Condividi post

Repost 0

casa Natale

Non ci hanno fermato i sabati e le domeniche, le influenze e i raffreddori, le pratiche ammucchiate sulla scrivania e le pile di bucati da stirare, la Pasqua e il Ferragosto, i compiti delle figlie e le lamentele dei mariti e tutto quello che avrebbe potuto intralciare il nostro appuntamento quotidiano con Menuturistico, ma che è stato sempre superato con slalom sperticati fra gli impegni domestici e lavorativi.
Ci ferma, invece, il Natale. Il perché è presto detto- e se amate questa festa come noi due, non c'è bisogno di molte parole per spiegarvelo. Avremo case piene di figli, nipoti, genitori, suoceri, parenti ed affini, tavole da addobbare, regali da fasciare e da sfasciare e, soprattutto, tanto, tanto, tanto da fare per le persone che ci sono care, nel vero senso del termine.
E così, ci prendiamo qualche giorno di pausa: lo facciamo con un po' di rammarico, perché sappiamo già da ora che non sarà facile resistere alla tentazione di controllare la casella della posta o di curiosare un po fra i blog dei nostri amici, ma non ci è possibile fare altrimenti.
Epperò, siccome Natale non è Natale senza regali, abbiamo pensato di lasciarne uno anche per voi, sotto il nostro albero, allo stesso modo in cui li abbiamo lasciati sotto gli alberi dei nostri amici, consapevoli che, se cambia la forma, la sostanza è la stessa: una piccola raccolta di ricette, (scaricabile qui )da preparare in queste feste, con l'augurio di trascorrere un Natale davvero sereno
Tanti auguri a tutti
Ale& Dani

Condividi post

Repost 0

di Alessandra

DSC_8695

ieri sera

124 posate
36 piatti grandi
36 flut
36 ciotoline mini dell'ikea
36 ciotoline bianche dell'ikea
36 coppette
32 bicchierini di un tipo
29 di un altro
24 bicchieri
24 piattini
16 vassoi
12 tumbler
6 caraffe
4 alzatine
2 decanter
posateria varia, 1 pezzo per una

DSC_8670

stamattina
33 vertebre meno una
2 mani che sembrano due grattugie, e neanche in microplane
1 casa che sarebbe meglio chiudersi la porta alle spalle e non tornare più.
DSC_8687



Al mercoledì, saremmo dovuti essere 32. Al venerdì mattina, 51. E siccome siamo a Genova e non a Cana, ero praticamente sull'orlo del baratro della disperazione, visto che, per quanto contassi, le panne cotte erano 35 e il prosciuttone nel frigo non ingrassava di un grammo

DSC_8703

Alla fine, ci si è messa la neve, con una specie di tormenta che, se ha nuociuto al resto della città, ha salvato la festa, sdoppiandola in due sere: una metà ieri, l'altra dopo Natale, con buona pace della sottoscritta e degli appetiti degli amici, che sono stati saziati anche questa volta.

DSC_8685


Vado veloce, con il menu
Aperitivo
Baci di dama salati al pesto
Rillette di sgombro al timo limone
Rillette di salmone al triplo affumicato
Sablè con spuma di prosciutto allo Xeres e pepe rosa
Sablè con crema di gorgonzola
Cestini di lenticchie con mousse di mortadella e mostarda
Fichi caramellati con formaggio di capra di Stella
Cotognata con Moro di Sardegna
Patè di carne alle noci in gelatina al Marsala
Patè di fegatini in gelatina di melograno
Polpette di gambero in crosta di sesamo con maionese al wasabi
Zuppetta di barbabietola rossa con cubetto ghiacciato di yogurt

Piatto Caldo
Prosciutto glassato al miele con gelatina al Porto
con marmellata di ananas al pepe rosa e chutney di mango

Dolci
Panna cotta alla violetta con gelèe di earl gray
Crostata alla ricotta e whisky destrutturata
Crema al croccante
Old Fashioned Chestnut Cake
Meringata ai mirtilli per il festeggiato


DSC_8669

Le ricette domani, e dopo, e dopo ancora....


Besos
Ale







Condividi post

Repost 0

Di Daniela e Ginevra

DSCF1054


Rieccoci qui con la seconda lezione sugli origami: oggi vi presentiamo la stella di Natale. E' una decorazione carina per l'albero, o un "chiudi pacco" un po' più bello, o un segnaposto diverso, magari alternato con Babbo Natale. Speriamo di riuscire ad essere chiare, perchè non sempre è semplice spiegare ciò che si deve fare. Ginevra , ancora una volta si è prestata , devo dire con molta gioia e un filo di orgoglio, a fare da "maestra". Vorremmo che vi rilassaste , in mezzo a questi ultimi giorni un po' frenetici prima di Natale, divertendovi nel preparare con noi per una volta, qualcosa di non culinario, ma comunque dedicato alla vostra tavola della festa.un' ultima piccola precisazione se voi preparerete entrambi gli origami che vi abbiamo spiegato con la carta speciale per origami otterrete un risultato ancora più preciso. Con Ginevra, abbiamo però utilizzato fogli di carta "normali" proprio per farvi vedere che si possono usare anche ritagli di carta da regali comune.
Cominciamo quindi con la nostra
STELLA DI NATALE

Occorrono

  • carta metallizzata ( ma potete farla anche rossa e bianca, andrà benissimo)
  • 2 quadrati 10 x 10
  • tempo di esecuzione 10 minuti


Base a mulino:

mulino

1 Segnate le 2 mediane


Collage di Picnik

2 Segnate le 2 diagonali, poi voltate il modello

giusto

3 Piegate i 4 angoli sul centro e poi distendeteli. Voltate nuovamente il modello

stella

4 Piegate i lati destro e sinistro, alto e basso sul centro e poi distendeteli

mulo ino
5 Spingete fino al centro nei punti indicati piegate come nella foto...

DSCF1013

6 Ok, base a mulino fatta


Stella di natale:



tunz

1 Cominciate con una base mulino. Fate una piega schiacciata su una delle punte, quindi ripetete sulle altre 3.

fiori

2

Piegate a valle le 2 bisettrici di ogni quadrato

stella

3

Piegate sotto le 4 punte

Collage di Picnik

4 Aprite le alette. Eseguite una piega a petalo sollevando una delle 4 punte centrali e ripiegandoverso l' esterno. Fate lo stesso con le altre 3 punte.

DSCF1039

5

Ecco terminata la prima "semi stella". Fatene un' altra di un colore diverso prima di passare alla tappa successiva

fatto

6 Voltate le 2 semi stelle e aprite le 4 piccole punte. Mettete le 2 parti una sopra all' altra come nella posizione della foto. Chiudete le 4 alette sopra e poi le 4 alette sotto, in modo da unire le due "semi-stelle".

stella natale finita definitivamente

7

La stella a 8 punte è terminata!

Per decorarle vi consiglio di attaccare al centro della stellina di natale un fiocchetto o anche un nastrino. Noi a Natale le usiamo come segna posto e ognuno ha un fiocchetto di colore diverso.

Buon Natale a tutti!

Daniela e Ginevra

Condividi post

Repost 0

Di Daniela e Ginevra
Scroll down for English version

DSCF0996

Eccomi a voi, come promesso alle mie amiche Tania e Virò, per spiegarvi passo passo come si realizzano i Babbo Natale di carta dell'ultimo post, utilizzando gli origami. Ginevra si è prestata con gioia alla realizzazione di questo post senza ricetta per una volta, ma solo con le spiegazioni per realizzare dei graziosi segnaposto sulla vostra tavola natalizia. Ora, siccome la cosa è un po' lunghetta, partiamo subito con le prime foto. Innanzi tutto occorrono:
  • Fogli di carta bicolore bianca e rossa ( a questo si può ovviare incorrando due fogli di carta uno bianco e uno rosso insieme) 10 x 10 cm. Ritagliatene 2 per ogni figura che volete preparare
  • 1o minuti di tempo per figura
  • dimensione dell'opera finita circa 15 cm


DSCF0947

Cominciamo dalla testa:

DSCF0948

1 segnate, piegando, il foglio a metà, tenendo il colore sopra

DSCF0949DSCF0946

2 ripiegate i lati sulla diagonale come in foto


DSCF0950DSCF0951
3 fate una piega a monte sul triangolo in alto. Portate la punta in basso sulla piega a monte quindi aprite


DSCF0953DSCF0954
4 Fate 2 pieghe a valle prendendo come riferimento la piega segnata al punto 3

DSCF0955

5 capovolgete (girate) il modello



faccia da babbo

6 piegate le alette laterali sulla piega centrale



babbi natale collage

7 fate 4 pieghe a valle come indicato



DSCF0964

8 la testa di Babbo Natale è terminata!

Ora il cappello:

cappello

1 Lasciate il colore sotto. Dopo aver segnato la diagonale verticale, piegate e aprite la piega a valle, come indicato.


cappello 2
2 Segnate la seconda piega a valle portando l'angolo sinistro del quadrato sulla piega realizzata al punto precedente



cappello 5

3Piegate il bordodestro sulla piega segnata al punto 2. Aprite la piega quindi capovolgete il modello.


DSCF0977 DSCF0980
4 Segnate una piega a valle prendendo come riferimento l'estremità delle pieghe fatte ai punti 2 e 3

DSCF0981

5 Portate la punta in basso sull'intersezione delle pieghe.

cappello6

6 Ripiegate il bordo inferiore del modello come indicato nello schema.

DSCF0984

7 Piegate una prima volta lungo la piega esistente

DSCF0985

8 Piegate una seconda volta....


DSCF0986

9 Ripiegate la punta in alto (a occhio, non c'è un vero riferimento) quindi girate il modello

cappello10

10 Piegate il lato destro lungo la piega esistente

DSCF0989

11 Piegate il lato sinistro lungo la piega esistente, inserendo l'angolo sinistro nella tasca di destra

DSCF0990DSCF0991

12 Si ottiene questo risultato. Ora capovolgete il modello.

DSCF0993DSCF0994

13 Fate una piega in diagonale, come indicato.

babbo finito

14 Ora potete completare la testa di Babbo Natale!!

Come regalo ginevra ha pensato di dedicarvi anche una sua stellina, che la diverte molto fare e che è comunque un ottimo segnaposto o un decoro per l'albero. Ve la spiegheremo domani!!!!!

Una buona giornata a tutti

Daniela e Ginevra



Santa Claus and the origami
Di Daniela e Ginevra

Here I am with you, as promised to my friends Tanya and turned to explain step by step how to achieve the Santa Claus paper last post, using origami. Geneva lent itself happily to the creation of this post without a recipe for once, but only with the explanations to make the pretty placeholder on your Christmas table. Now, since it is a bit 'long, we start immediately with the first pictures. Firstly, they require:
• Sheets of paper two-tone white and red (this can be offset by gluing two sheets of paper with one white and one red) 10 x 10 cm. Crop 2 for each picture you prepare
• 10 minutes to figure
• size of the finished about 15 cm

We Start from the head

DSCF0948

1 mark, fold the paper in half, keeping the color over


DSCF0949DSCF0946
2 Fold the sides on the diagonal as in picture


DSCF0950DSCF0951
3 make a crease on the triangle at the top. Bring the tip down on the fold so open


DSCF0953DSCF0954
4 Fate 2 folds by referring to the crease at the point marked 3


DSCF0955
5 Turn the model


faccia da babbo
6 fold the side flaps on the central fold


babbi natale collage
7 Do 4 folds as indicated


DSCF0964
8 the head of Santa Claus is over!

And now the hat:


cappello
1 Let the color underneath. After scoring a diagonal vertical, bend and fold open the downstream, as indicated.


cappello 2
2 Mark the second fold, bringing the left corner of the square on the fold made in the preceding paragraph


cappello 5

3 Fold the right edge on the fold marked in step 2. Open the fold and then flip the template.


DSCF0977DSCF0980
4 Marked a turn with reference to the downstream ends of the folds made in steps 2 and 3


DSCF0981
5 Bring the tip down on the intersection of the folds.


cappello6
6 Fold the bottom edge of the model as shown in the diagram.


DSCF0984
7 Fold the first time along the existing crease


DSCF0985
8 Fold a second time ....


DSCF0986
9 Fold the tip up (by eye, there is a reference point) then turn the model.


cappello10
10 Fold the right side along the existing crease.


DSCF0989
11 Fold the left side along the existing crease, inserting the left corner into the pocket of the right.


DSCF0990DSCF0991
12 You get this result. Now flip the model.


DSCF0993DSCF0994
13 Make a diagonal fold, as indicated.


babbo finito
14 Now you can complete the head of Santa Claus!


Ginevra has decided to dedicate her even a little star, that much fun to do and that is still a great placeholder or a decoration for the tree. we explain it there tomorrow !!!!!
A good day to all
Daniela e Ginevra

Condividi post

Repost 0

Di Daniela


Scroll down for English version

DSCF1066

Oggi dovrete scusare un post unpo' più rapido del solito: ci stiamo preparando noi solo psicologicamente, la Ale fisicamente ( e faticosamente) all'augusto genetliaco del suo benamato consorte, il mitico Giulio della zuppa del Caz e dell'ammutinamento cibareccio di fronte alle inquietanti porzioni che sua moglie, a sentir lui, gli prepara, e , last but not least, quello dell'agnus day. Oltre a ciò stiamo preparando con Ginevra, unpost piuttosto corposo che spero di postare per il week end, sull'origami, e in particolare i Babbi Natale che avete già visto e una graziosa stella da utilizzare come segnaposto o decoro per l'albero.
Quindi, godetevi per oggi

DSCF1097

questo velocissimo, ma non meno delizioso, caffè, da bere nei pomeriggi freddi e nevosi come quello di oggi qui a Genova

DSCF1089

o nelle serate con amici , insomma in tutte le occasioni in cui volete rilassarvi un po' , godendovi l'aroma caldo e corroborante di un buon
CAFFE' VIENNESE

DSCF1071

Unica nota della redazione, questa volta, è l'utilizzo, invece del cioccolato normale, di un eccellente cioccolato al Baileys che mi è stato regalato..... un tocco di delizia in più, che comunque potrete ottenere con l'aggiunta di un cucchiaio di Baileys al vostro preparato, prima di versarlo nei bicchieri.
Passiamo alle dosi:
per 4 bicchieri
  • 100 gr di cioccolato
  • 250 gr di panna (70 gr per il cafè il resto per guarnire)
  • ½ litro di caffè bollente
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 cucchiaio di cacao amaro
  • 1 cucchiaino di cannella i polvere
  • 1 cucchiaio o 2 di Baileys (facoltativo!!!)

    DSCF1069

Mettete a fondere a bagnomaria il cioccolato. Appena pronto, toglietelo dal fuoco e lavoratelo a crema insieme ai 70 grammi di panna liquida. Preparate il caffè, che deve essere bollente, e addolcitelo con il cucchiaio di zucchero, poi versatelo sul composto di panna e cioccolato, mescolatelo e versatelo nei bicchieri. Montate la rimanente panna senza zucchero ( il caffè è già dolce ) mettetela in un sac a poche e guarnite abbondantemente i bicchieri. Spolverizzate con un po’ di cacao in polvere e cannella e….

DSCF1072

Buona serata


Daniela

English version


Today you will excuse a post a little 'faster than usual: we're just preparing us psychologically, physically Ale (and painfully) to the birthday of her beloved husband, the legendary Giulio. Beyond that we are working with Ginevra, a post about origami, and especially the Santa Claus you already seen and a pretty star to use as placeholders or tree ornaments. So, enjoy this fast for this morning, but the food, coffee, cold drink in the afternoons or evenings with friends, in short, on all occasions where you want to relax a bit ', enjoying the aroma of a warm and invigorating

CaffèViennese

DSCF1070

For 4

  • 3,5 oz of chocolate
  • 8,8 oz of fresh cream to assemble
  • ½ liter of boiling coffee
  • 1 tablespoon sugar
  • 1 tablespoon unsweetened cocoa
  • 1 teaspoon of the cinnamon powder
  • 1 tablespoon or 2 of Baileys (optional!)

Put in bagnomaria on medium heat,to melt the chocolate. Once ready, remove from heat and knead until creamy together with 70 grams of cream. Prepare the coffee, which must be hot, and add a spoon of sugar, then pour on the compound of cream and chocolate, stir and pour into glasses. Whip the remaining cream with no sugar (the coffee is already sweet), put it in a sac a poche and garnish abundantly the glasses.

DSCF1077


Sprinkle with a little 'cocoa powder and cinnamon and .... Good evening

Daniela

Condividi post

Repost 0