Il post dei desideri- e il salmone in 10 minuti della Lorraine

 

salmone1

Elenco degli argomenti di cui avrei voluto parlare, in questo post

1. la scellerata scelta delle tracce per la prima prova scritta della Maturistà di quest'anno (per inciso, non si faceva prima a chiamarli "temi"?): mi son sfogata ieri su FB e avevo promesso che ne avremmo parlato anche qui- e lo faremo, tranquille

2. il numero zero della telenovela "Albaro come Secondigliano",  tutta dedicata a vicini arroganti, maleducati e-toh, che caso- parvenu che non riuscendo a digerire che tutto il loro denaro non sia bastato a comprare una villa con qualche ettaro di parco, ma li abbia costretti - oVVoVe!!!- in un condominio,  cercano di dimenticarselo, infrangendo ogni giorno muri del suono del circondario- e scatolame della sottoscritta

3. degli strepitosi buns al cardamomo della nonna finlandese di Tessa Kiros, che basta così, ma ci siamo capiti

Invece:

son sveglia dalle tre del mattino, per soccorrere quel che resta di mia figlia, dopo l'aggressione di uno stramaledetto virus, su cui risparmio dettagli: vi basti che alle 5, dopo solo due ore di resistenza, si è arresa all'iniezione di una deliziosa dottoressa della guardia medica e che ora riposa nel suo letto- la creatura, non la dottoressa. I miserevoli resti della di lei madre si sono accasciati per un'ora e adesso sono qui che guato un terzo caffè, visto che i primi due non hanno sortito alcun effetto. (volendo, potrei anche aprire una parentesi sulla stortura del mio concetto di senso del dovere, visto che magari oggi me ne potrei anche stare a casa dall'ufficio, ma su certe cose è meglio non porsi domande).

Di conseguenza, vi tocca un post pieno di promesse,con una ricetta velocissima ma validissima, a firma di Lorraine Pascale, che non escludo possa essere anche la portata principale per la cena di questa sera: perchè c'è il pesce, perchè è allegro, perchè è veloce- e perchè se non mi passa il sonno, la vedo durissima...

 

FILETTI DI SALMONE AL FORNO CON

CROSTA DI PANE ALLA SENAPE E AL PREZZEMOLO

 

salmone

Prima avvertenza: se volete fotografare il piatto, fatelo quando è ancora crudo, esattamente come è successo nel libro della Pascale, quando si distinguono il rosa della carne del salmone e il verde della crosta: dopo la cottura, invece, avrete una roba stile quella che vedete qui che potrebbe essere anche usata come reperto delle prove di un furto: io fotografavo e il resto della famiglia si serviva, da tanto irresistibile è il profumo che sprigiona da questo piatto.

Ve lo racconto, che faccio prima

per 4 persone

4 filetti di salmone o trota salmonata, senza pelle. (nel mio caso, la pelle c'era perchè questo lavoro di sezionatura è stato fatto in casa, e togliere la pelle significava perdere la compattezza delle fettine. Ma se chiedete al pescivendolo, che è più abile di me, oppure comprate i filetti surgelati già porzionati, avete tutto fatto)

100 g di briciole di pane secco (meglio: 100 g di pane secco, ridotto in briciole piuttosto grosse)

1 cucchiaio e mezzo di zucchero di canna (ne ho messo un cucchiaio raso)

2 cucchiaini di Senape (io ho usato quella dolce, da cui la riduzione dello zucchero)

la scorza grattugiata di 2 limes (usate il succo per irrorare i filetti di pesce)

1 mazzetto di prezzemolo, finemente tritato

sale e pepe (io ho messo il peperoncino, al posto del pepe)

Preriscaldate il forno a 200 gradi.

Stendete un foglio di carta da forno su una teglia, disponetevi i filetti, irrorateli con il succo dei due lime, con l'avvertenza di grattuggiarne prima la buccia.

Mescolare tutto assieme, in una terrina, le briciole di pane, la scorza del lime, la senape, lo succhero, il prezzemolo, il sale e il pepe, mescolando bene con le mani, in modo da ottenere un composto che stia insieme. Disponetere un po' su ciascun filetto, in modo da coprirne la superficie per il lungo. Non preoccupatevi, se dovessero cadere delle briciole qua e là: alla fine, si mangiano anche quelle.

Infornate per 10-15 minuti e servite subito.

Potete usare una senape al miele o aromatizzata in altro modo: si sposa benissimo col salmone. E lo stesso vale per l'aneto, al posto del prezzemolo.

Buona giornata

Ale

Condividi post

Repost 0
Commenta il post

Elisa 06/24/2013 18:15

Ciao! Mi piace molto il tuo blog, e questo racetta deve essere veramente buona, io adoro il salmone!
Buona serata :)
Elisa

Mari 06/20/2013 15:03

e auguri di pronta guarigione alla creatura!

Mari 06/20/2013 15:03

Mamma mia che nottata! Comunque alla fine sei riuscita lo stesso a dire tutto quello che c'era da dire :)
La ricetta è fantastica, me la segno, perchè io il salmone lo faccio veramente in tutte le salse e con tutte le panature possibili e questa con la senape e un po' agrodolce la devo assolutamente provare.

Tery 06/20/2013 10:39

Oh caspitina! Quando si dice una giornata iniziata con il piede sbagliato!!
Spero che la creatura si rimetta presto!! Io intanto mi rubo questa ricetta.... presto anche sulla tavola di casa PeP :-)

M.Chiara 06/20/2013 09:02

Per prima cosa un grande augurio alla "creaturina" (da malata diventa piccola d'ufficio) per una veloce guarigione. Fatti coraggio col caffè che funzonerà !
La ricetta di primo acchito non mi attirava proprio ma poi, man mano che si leggono gli ingredienti e l'immaginazione lavora, mi piaceva sempre più e mi pare sia un piatto facile ma buonissimo per quella gustosa crosticina.....
baci
mc