Della Torta di grano saraceno, cacao e nocciole del Piemonte e di Principi Rattoppati

Di Daniela

Quando la classe non è polenta!  Leggendo un quotidiano non si può non essere turbati dalle notizie raccapriccianti che appaiono nero su bianco dalle pagine stampate. Dalla guerra civile, a disastri ecologici (il treno canadese) o a incidenti incredibili (l'aereo spezzato), o, ancora a "squali" che approfittano della fragilità umana per ingrassare le loro finanze, da ogni pagina ti assalgono immagine raccapriccianti, dolorose realtà, angoscianti questioni morali.

Ma per fortuna, ogni tanto, in mezzo a tutto questo, fa capolino la notizia divertente, rilassante, che a volte racconta momenti positivi dell'umana natura, a volte narra di come uomini che sembrano volare ad anni luce dalle nostre vite così prosaiche, in irreali mondi rarefatti, in realtà siano proprio esattamente afflitti da piccole maie o problemi come tutti gli altri.

Sabato mi ha divertito leggere su La stampa un articolo sull'erede al trono inglese....

Foto da qui

Prlando di lui, mi viene in mente che aveva una moglie giovane e bellissima e le ha preferito la vecchia carampana cavallina che ha finalmente sposato pochi anni fa, coronando il suo sogno d'amore. (Le mie figlie ridono ancora quando leggono la freddura in cui la regina Elisabetta, preparandosi in fretta per una caccia alla volpe, grida:"Presto, sellatemi Camilla!")

Avrebbe dovuto diventare re molti anni fa, ma ancora regge con disinvoltura il ruolo di Principe di Galles.

E' considerato da sempre uno spendaccione, (ricordo un articolo di Repubblica con questo titolo uscito quando si laureò William), un uomo eccentrico, con un numero di servitori che sua madre stessa definisce "grottesco" e che comprendono, tra gli altri 147, 3 parrucchieri e 4 cuochi;

è peraltro considerato anche uno degli uomini più eleganti del mondo, anche se non si cura poi moltissimo del suo abbigliamento......

e si è presentato ad una visita ufficiale sul set di «Dr Who» che sta per celebrare i 50 anni di programmazione, a Cardiff indossando un doppiopetto con una vistosa toppa sulla tasca sinistra!!

Vi riporto testualmente l'ultima parte dell'articolo di Vittorio Sabadin, che dopo aver enumerato le eccentricità del Principe, conclude così :"Per ogni cliente, vengono annotati su volumi rilegati in pelle nome, indirizzo e misure, e ognuno deve scrivere personalmente il proprio nome perché ci sia una prova che ha ordinato l'abito e vengano poi evitate discussioni sul conto. Nei volumi ci sono i nomi di Picasso, Rodolfo Valentino e Fred Astaire, ma non c'è quello del Principe del Galles, identificato come Charles Smith. Nel negozio tutti si chiamano con l'appellativo di «Mr» e i nomi di battesimo sono banditi. È Mr Hitchkock a tagliare gli abiti di Carlo e a ripararli. In uno scatolone identificato dalla scritta «HRH Prince of Wales» sono conservati i pezzi di stoffa avanzati di tutti i suoi vestiti, pronti per le toppe del futuro re d'Inghilterra."

 

Torta di grano saraceno, cioccolato fondente e nocciole Piemonte

Della Torta  di grano saraceno, cacao e nocciole del Piemonte e di Principi Rattoppati

Ho trovato la ricetta qui, pubblicata poco tempo fa e perfetta per i miei ingredienti preferiti, molto valtellinesi, a parte le nocciole che per me sono l'ultima parte di quelle squisite che mi ha portato Ale dal basso piemonte....

Ingredienti per 1 torta (rettangolare 35x24 per me)

200 g di farina di grano saraceno

4 uova

180 g di zucchero

160 g di burro

80 di cioccolato fondente

40 g di nocciole 

1 bustina di lievito

torta cacao 

In una ciotola unire la farina e il lievito, mescolare bene. In un’altra ciotola montare le uova con lo zucchero con le fruste elettriche, unire a poco a poco la farina di grano saraceno e il lievito. 

Sciogliete lentamente il burro a bagnomaria e incorporatelo all’impasto con cura. Tritate al coltello il cioccolato e le nocciole e uniteli all’impasto con una spatola, con un movimento dal basso verso l’alto. Versate il composto in una tortiera precedentemente imburrata e infarinata e cuocere in forno preriscaldato a 180° per 45 minuti.

Servitela, ancora tiepida con una pallina di gelato alla crema americana, spolverizzata d zuccchero a velo, oppure  fredda con una spruzzata di panna montata o con un cucchiaio di confettura di lamponi e mirtilli....

Friabile e morbido è una delizia assoluta!

Buona giornata

Dani

Condividi post

Repost 0
Commenta il post